Warning: Declaration of Elastic_Upgrader::run($name, $source, $files = Array, $install = true) should be compatible with WP_Upgrader::run($options) in /web/htdocs/www.rivistaorigine.it/home/wp-content/plugins/elastic-theme-editor/editor/class-elastic-upgrader.php on line 74
» Racconti Archive | Rivista Origine

UA-51082228-1 » Racconti Archive | Rivista Origine UA-51082228-1
  • LA FABBRICA DEI DOTTORI Massimo Famularo

    Michele suda come una fontana e la tensione gli scorre a fior di pelle come la scarica di un fulmine che si propaga sulla superficie del mare. La saletta d’attesa della Double Face Inc sembra un girone infernale, una asettica efficientissima stanza delle torture per straziare le vittime prima del sacrificio. Il suo sguardo tradisce Continue Reading

  • PLOTINO, I CANNIBALI, I JEANS e la crisi della letteratura oggi di Aldo Nove

    Vengo da una città in cui la letteratura costituisce il tessuto con cui si trama l’abitare. L’abitare urbano è dato da uno spaesamento, quello che colloca l’individuo all’interno di un flusso di informazioni che ha di fatto superato la soglia della comprensione. Abitare a Milano vuol dire continuare a leggere ogni spazio possibile, ogni spazio Continue Reading

  • UNO

    Avro’ avuto cinque anni quando ho iniziato un gioco singolare. Ogni sera, nel letto, prima di addormentarmi, con gli occhi chiusi,pensavo al grado di parentela che formalmente lega le persone. Partivo da me,figlio di due genitori e mi collocavo all’interno di una famiglia che aveva ed ha una sua storia. A ritroso, ripetevo la stessa Continue Reading

  • KETCHUP (Il condottiero)

    Frank alzò gli occhi e guardò la faccia davanti a sé. Era una faccia gioviale, di un uomo ancora giovane, grassoccia, la pelle liscia e bianca, i lineamenti piccoli e concentrati sul davanti; occhi azzurri e vicini, naso piccolo all’insù, capelli neri con la sfumatura alta, pettinati e impomatati in ordinate onde all’indietro. Una goccia Continue Reading

  • BENVENUTI A ‘STI FROCIONI di Wu Ming

    Scrivere una sceneggiatura mi sembrava la sciocchezza finale. D’altra parte uomini migliori di me si erano ritrovati incastrati in un’impresa così ridicola. Henry Chinaski 1 Perplessi, ci lasciammo alle spalle il Quirinale ed entrammo nella sede della Filmeuro. C’eravamo Noi Quattro (Mr. Fantastic, la Cosa, la Torcia Umana e l’Uomo Invisibile), poi c’erano Salman e Continue Reading

  • DOMENICA DI LUGLIO Domenico Cacopardo

    Quel fastidioso vento canale, la brezza di nordest che infilandosi nello Stretto di Messina, tra i monti delle due sponde, acquista virulenza, alza il mare con un’infinita serie di mezze onde, che vengono dette in gergo maretta, lo dissuase dal rimanere sulla spiaggia sin quasi alla partenza e mangiare qualcosa da Nino. Vincenzo Videnti, prese Continue Reading

  • AUTODENIGRAZIONE DI UN GENIO Giorgio Manganelli

    Nel settembre 1858 – un secolo fa, per l’appunto – Darwin si accingeva a preparare “un suo volume sulle origini della specie”, come egli disse, “che mi costò tredici mesi e dieci giorni di duro lavoro”. The Origin of Species venne pubblicato nel novembre del 1859, e nel giro di poche settimane divenne il libro Continue Reading

  • VIOLA E PROFONDO di Parrella

    Il vento si era fermato a giugno e l’aria, grassa di umidità strappata al mare, si era seduta sulla città, occupando tutti i vuoti, rivestendo i pieni, schiacciando le ombre. Da due settimane assorbiva immobile il sole, diventava incandescente fino al tramonto e dopo ancora, per tutta la notte, ristagnava tra i vicoli appiccicosa di Continue Reading

  • STORIA FUNESTA DELL’AVVOCATO M. E DI ALCUNE INTERESSANTI CIRCOSTANZE. di Francesca Mazzucato

    Butto ogni giorno la spazzatura nella casa di Christian. Sono due passi, dal numero 112 di via Martiri della Libertà, appartamento di fronte alla ferrovia, ultimo balcone in alto a sinistra con la bandiera arcobaleno. Giro a destra e vado verso il passaggio a livello, sotto la collina di Porto Maurizio. Si intravede sullo sfondo Continue Reading

  • MADONNELLA BLUES di Nicola La Gioia

    Cosa facevo a sedici anni, precisamente l’estate del 1990, trentotto gradi celsius o giù di lì, mentre Moravia se ne andava con un lungo sbadiglio di disapprovazione, dopo l’uscita sbagliata di Walter Zenga su Caniggia, dopo essere stato ingiustamente rimandato in fisica e matematica, dopo aver visto i miei genitori, mano nella mano, svanire tra Continue Reading