UA-51082228-1

UOMINI ALLO SPECCHIO. Confessione di Walter Pedullà


È tempo di bilanci, naturalmente consuntivi, non essendo più ammessi alla mai età quelli preventivi. Lungo è il passato, breve il futuro, sia pure ora e qui quello che si adatta al luogo in cui siamo convenuti.
Dalla periferia al centro e da questo a quello. Quasi una storia che si ripete, non dal mio punto di vista personale ma anche da quello culturale: cioè una storia italiana. È lo stesso viaggio che fa sempre la letteratura italiana: dal dialetto alla lingua, dalla marginalità alla centralità, dal locale al nazionale, dal particolare all’essenziale, e così viaggiando da pendolare in una cultura che deve trasgredire se vuole integrare nuove energie per crescere. Naturalmente anche dal Nord al Centro: come dire, non solo il Sud, di Pirandello, Brancati, Vittorini e D’Arrigo ecc., ma anche il Nord di Svevo, Gadda, Fenoglio ecc. Nonché l’Est e l’Ovest, dai italiani di Grecia (Savino) e d’Egitto (Ungaretti, Martinetti), o di Cuba (Calvino). Anzi ogni Est ed Ovest della cultura: Francia e Spagna, Germania ed Inghilterra, Russia e Usa.
Così ha viaggiato la letteratura italiana del Novecento, cercando di tesaurizzare esperienze che non poteva aver fatto per ritardo o letargo. Pensate al ritardo culturale che deve colmare uno che come me viene dalla Calabria degli Anni Trenta.
E tuttavia non conta mai il punto di partenza ma quello di arrivo. Insomma una corsa ad handicap la mia. E non mi lamento. Ad altri è andata peggio.
Ne ho dette e sentite di parole in settant’anni! Una professione orale, ma non sono pochissimi gli scritti. Articoli, saggi, monografie, volumi, prefazioni, introduzioni, relazioni. Diecimila pagine, più o meno. Se fosse ancora da leggere il 10%, più o meno, sarei felice. È troppo, torniamo ai fatti. Faccio ancora troppo, mi dico sempre che dovrei fare di meno e meglio, ma non sono certo se è meglio se faccio di meno. Talvolta mi riesce meglio quello che faccio in fretta. La verità è che sono lentissimo, oppure riscrivo dieci volte la stessa pagina, per accorgermi magari che la migliore stesura era la prima. Scrivo per necessità e mi devo affidare al caso. Sono diventato per caso critico militante: poi è diventato una necessità: lo faccio ormai dal 1959.
Da oltre quarant’anni faccio il pendolare tra Università e giornalismo culturale, tra Università ed editoria, tra Università e Televisione, tra Università e Teatro, tra un istituzione e l’altra, da un istituzione ed i movimenti politici, da un partito, sempre lo stesso, a un sindacato, sempre lo stesso. E sempre nella sinistra, cocciutamente, con al caparbietà attribuita ai calabresi. Tra i quali sono vissuto per oltre venticinque anni della mia vita facendo lezioni private dall’alba alla mezzanotte, io mi riposo cambiando lavoro, ne ho fatto sempre almeno quattro o cinque. Università o Scuola, editoria, giornalismo, TV o teatro, libri e politica. Libri che fanno politica col tema e con il linguaggio. E quanto più è nuovo il linguaggio, tanto più si è attuali in politica. Così è fatta la critica militante che io pratico da oltre quarant’anni: se si sta attenti a come un epoca scrive, si veda quello che pensa di fare. Potessimo fare la metà del massimo di novità che progettiamo. La novità non realistica che va verso la realtà possibile. Fantasia e calcolo, interesse ed erotia, idealismo delle avanguardie surrealiste e non. “Oltre la realtà”, consiglia il mio corregionale Corrado Alvaro, cioè verso un altra realtà.
Due anni dopo l’inizio della mia attività universitaria, arrivarono gli anni Sessanta, decennio di sperimentalismo, boom economico, prove tecniche per governare l’Italia da Sinistra. Io supportai le lezioni di Debenedetti, con esercitazioni e seminari sulla letteratura dell’ultimo secolo, i protagonisti della poesia (Ungaretti più di Montale, Palazzeschi Gozzano non meno di Saba, Govini meno di Campana) ed i linguaggi della narrativa con particolare attenzione alle avanguardie vecchie e nuove (Palazzeschi e Savino in specie modo), ai Vociani, al neoespressionismo, o comunque si voglia chiamare il plurilinguismo (per esempio Gadda, Testori, Pasolini, Fenoglio, D’Arrigo, Mastronardi, Arbasino, ecc.). Dopo i numerosi pendolarismi della mia vita precedente (da Siderno a Locri, da Siderno a Messina, da Lagonegro a Roma, da Roma a Latina), praticavo un “pendolarismo culturale” tra secoli, tra letterature, tra linguaggi, tra temi, tra punti cardinali: con attenzione particolare al Sud, per via della questione meridionale, di cui avevo fatto esperienza sulla mia pelle. Preferivo sempre di più i periferici (Svevo, Pirandello, Gadda, Fenoglio e D’Arrigo) agli scrittori del centro.
Dovunque devono approdare tutti, come si vede da Bontempelli e da Alvaro, da Moravia a Landolfi, da Brancati a Calvino. È ben fecondo il decentramento sintattico, fantastico e strutturale. Ecco: andavo scoprendo un nuovo uso della parola struttura, che da marxista eretico accoppiavo sempre con l’attributo “economica”: cioè la struttura dell’opera letteraria.
Il Maestro era naturalmente Debenedetti, ma imparavo a insegnare modi di interpretare la modernità con la “Nouvelle critique” (a cominciare da Poulet), Sartre, Barthes, Foucault, Deleuze, Lacan, il giovane Lukacs, i formalisti russi, da Sklovskij, a Jakobson, a Bachtin, la Scuola di Francoforte, più Benjamin che non Adorno, Edmund Wilson, Kermode, Frye, Thrilling, Ortega y Gasset, i fenomenologi, i neomarxisti. Gli strutturalisti e poi semiologi. Tutti i metodi ma nessuno da integralista del nuovo (più compagno di strada che non organico al credo arrivato dall’estero). Ogni metodo di indagine che aprisse varchi per leggere il presente e il passato, e tuttavia non solo audaci esperimenti di innovatori: necessarie e urgenti le verifiche puntuali sui testi. Che grande sperimentalismo era la narrativa di D’Arrigo respinto dalle neoavanguardie! Il più efficace approccio alla struttura poteva essere il saggio di Debenedetti, che affondava il sondaggio dove la materia atomica, la psicologia del profondo, le strutture portanti della società sembrano avere lo stesso disegno, quand’anche fosse costretto a conservare un elevato quoziente di informale. Dell’informe si nutre il critico che deve tradurre proprie la X che fa la critica ambigua dell’intero sistema letterario. La critica sia scientifica ma non dimentichi di essere fatta pure di fantasia divinatrice. Dovevo assolutamente procurarmi un gusto con cui farmi piacere le opere che culturalmente condividevo: ho sempre cercato emozioni intellettuali incluse quelle che l’intelletto no sa spiegare.
Inutile dire che naturalmente seguivo quello che di originale e di importato scrivevano i pensatori (Della Volpe o Paci) e i critici non solo di letteratura italiana (Praz, Macchia, Ribellino per esempio). Aspiravo a diventare un critico e uno storico letterario e non ho mai scritto né un verso né un racconto. Come un personaggio di Molière, ridicevo che il critico è pur sempre un prosatore. Fare la critica come si deve in quel preciso momento, ma bisogna scrivere come nessuno ha fatto prima. Potrebbe avermelo detto Giacomo Debenedetti, per il quale uno stile unico vale più delle idee, ancorché originali. Le idee se ne vanno, lo stile resta. Mi piacerebbe che il mio stile si riconoscesse senza tenere conto delle idee, anche se ho provato a pensarne di originali. Viva il moderno che è sempre attuale, dice Pirandello. E viva Pirandello!.
Ho recensito centinaia di volumi di saggistica letteraria, come vedrebbe subito chi consultasse le annate dell’ ”Avanti!” dal settembre 1961 al 1992. Grandi e piccoli, piccoli che sono diventati grandi, e grandi che sono diventati piccoli. Migliaia di recensioni lunghe quanto brevi saggi: non di rado un’intera pagina di giornale-lenzuolo. Che raccolsi in volume, in più volumi, dal ’68 (La letteratura del benessere, il primo libro) al ’93 (Le caramelle di Musil). Oscillava il mio gusto dagli Anni Cinquanta (poteva un meridionale non essere un po’ neorealista quando i fatti sono così drammaticamente eloquenti che pareva fosse di troppo lo stile individuale?) agli Anni Sessanta, decennio in cui Debenedetti teneva le lezioni che avrebbero formato il suo capolavoro e in cui io sperimentavo ogni forma della modernità nata dalla crisi del realismo.
Approderà sempre un giorno la realtà dove ha previsto l’avanguardia? La post-avanguardia è il giorno della raccolta di quanto si è seminato? È il neoclassicismo dell’avanguardia? Sembrano ossimori ma potrebbe non trattarsi solo di figure retoriche. Naturalmente non ho mai creduto al realismo socialista. Ero poco realista come socialista, anzi fui parecchio massimalista. Il riformismo cui sono approdato è la post-avanguardia di chi un giorno ha creduto nella rivoluzione. Debenedetti, che era diventato comunista, era anche meno realista di me, ma entrambi eravamo dei visionari (altro ossimoro frequentato è il realismo visionario). Diciamo realismo magico, anche se io, che molto spesso ho parlato bene agli studenti di Bontempelli, non sempre preferisco le parti lisce del suo stile alla “scrittura con la gobba” – così definita da Moravia – di Gadda. In quanto a Moravia, ho stroncato un solo suo libro: la raccolta di racconti intitolata L’automa, ma ho recensito positivamente almeno cinque sue opere narrative. Si al novelliere, si la prosatore, si al viaggiatore. Invidiavo la sua scarna perspicuità ma mi allenavo per una prosa accesa o squarciata dalle metafore. Parole che suggeriscono verità irraggiungibili per chi si limita a nominarle per ideologia o per partito preso. Ho sempre amato danzare in campi di tensione che danno energia e scosse alcuni minano il terreno, che in apparenza è rassicurante, ed invece è sempre lì lì per esplodere: Svevo, Savinio, Palazzeschi, Zavattini, Landolfi, Bilenchi, D’Arzo, Fenoglio, Calvino, Lampedusa. Al quale mi convertii in tarda età. Meglio tardi che mai. Presto però ebbi chiaro che l’espressività funziona non solo quando è libertà come negli espressionisti o nello schizomorfismo del neoavanguardie ma anche quando è repressa. Ora è giustamente brilla in alto come astro Giorgio Caproni, un poeta che ho frequentato pure per i comuni ideali socialisti, anche se non mi è ami bastata la comune fede socialista per essere indulgente, verso opere che non apprezzavo, quand’anche fossero di Bassani o Cassola.
Ero un informatore librario molto aggiornato, perché come ho detto, contemporaneamente all’insegnamento universitario, a quello in un Istituto Tecnico, facevo il critico militante e il redattore culturale, prima del settimanale “Mondo Nuovo” (1959-61) e poi dell’”Avanti!” (1961-62).
Confesso che talvolta credo al talento naturale, anche se io ho imparato a scrivere con tenacia instancabile, ma a me non viene nulla naturalmente. Naturale io lo divento con accanita ricerca. Cambiando scrittura dall’articolo al saggio, dalla recensione al libro. Il linguaggio! Semmai i linguaggi. A settant’anni non mi piace come scrivevo a trenta, anche se le mie battagliere recensioni degli Anni Sessanta conservano accaniti tifosi. Alla mia età attuale, si tifa per la post-avanguardia? Non è il post-moderno, nostra attuale prigione dorata. E tuttavia ripeto: “Che curioso non mi fai schifo”.
Ovviamente aspetto sempre che arrivi la nuova novella, cioè il linguaggio che ci farà capire che siamo in gabbia e che urge rompere le sbarre. Non ho dubbi: la letteratura non muore mai e forse nemmeno il romanzo. Muore sempre e solo un modo di fare letteratura e di scrivere romanzi. Nessuno riesce a dare risposte alle situazioni come sa fare la narrativa. Altrimenti perché avrei passato la vita a leggere e rileggere romanzi, fino a cariarmi i denti, come dice Walter Benjamin, un critico ed un pensatore che mi ah insegnato a leggere ogni tipo di letteratura.
Ho avuto un allenatore, secondo il quale bisogna saper giocare in più ruoli. Da pioniere che apra la strada a quel popolo che ha scelto il melodramma quando i narratori italiani non erano capaci di scrivere romanzi all’altezza dei russi dei francesi e degli inglesi. Appresi la lezione di non disprezzare in modo preconcetto nessun autore, nessuna poetica, nessun’arte, quand’anche fosse stata la tv. Se ne può fare anche di buona qualità. Come per il cinema. Come per i libri, bisogna giudicare caso per caso. Uno scrittore invece di un altro, meglio talvolta chi si colloca politicamente sul fronte opposto al tuo, un movimento culturale piuttosto che un altro ma privilegiano il risultato artistico (cioè la sua emozionante verità), che non di rado trionfa su una poetica vincente. In certe epoche alcuni linguaggi si fanno affidare la delega storica: illuministi, romantici, veristi, simbolisti, avanguardie, neorealisti.
Con i gruppi numerosi la letteratura è attività anche politica: magari anche capaci di strozzare quella che dicesse cose contrarie a chi crede di cambiare il mondo. Ma attenzione agli isolati.
Chi è interessato all’originalità (tanto per parafrasare il nome di questa rivista) che rende unici gli artisti, deve conoscere tutto il passato se vuole notare, la differenza che fa il reale novità. Non avrei mai compiuto l’errore, come capitava ad altri critici militanti, di parlare di rivelazione a proposito di Carlo Dossi, che si era rivelato almeno tre volte prima che lo riscoprissero gli Anni sessanta del Novecento. Ho quasi da sempre saputo che tecniche come il monologo interiore hanno radici millenarie, che il plurilinguismo è nato prima di Dante, che i dialetti forniscono energie alle lingue collassate. E stavo attento a come e quanto rendeva il loro riciclaggio in epoca moderna. Vedevo la ripetizione e cercavo la differenza. Le svolte radicali piccole (la Scapigliatura, il Gruppo ’63) e grandi (le Avanguardie Futuriste, espressioniste e surrealiste). Piccola senza dubbio quella della neo-avanguardia ma sempre meglio che la paralisi, si allo sperimentalismo forte, ma la grande questione è sempre la stessa: chi scriverà il libro che ci farà intuire chi siamo, dove siamo, e dove stiamo andando?
Per esempio fui compagno di strada in poesia, di Andrea Zanzotto, Elio Pagliarani e di Amelia Rosselli, e, in narrativa, di D’Arrigo, Pizzuto, di Malerba, di Manganelli, di Delfini e Pallazzeschi, che a ottant’anni, era giovane quasi quanto era stato sessant’anni prima e che era molto più giovane di molti narratori e di poeti di avanguardia e non. Era ringiovanito anche Gadda e non mi parve mai invecchiato Savinio. Il giovane Zavattini resta giovane per sempre.
Si discuteva molto, ognuno leggeva i suoi libri e tutti leggevano gli stessi libri, commentavamo le opere per quello che erano artisticamente e per quello che diventavano culturalmente e politicamente. Si può fare in modo che la forma inedita diventi presto significato da usare ai fini di innovazione civile? Pionierismo artistico-avanguardia politica? Si interpretava quotidianamente il mito di Sherazade, colei che doveva inventare ogni notte una storia diversa. Si tirava mattina nella speranza che bisognava essere puntuali quando sarebbe spuntato il nuovo giorno. Ora ne sorrideremmo ma credevamo che la cultura rivoluzionaria avrebbe generato addirittura l’uomo nuovo. Ci sbagliavamo ma abbiamo preparato il terreno a riforme che hanno migliorato la qualità della vita. Nella mia Calabria oggi si guadagna in un giorno quanto cinquant’anni fa si guadagnava in un mese. Prima sette persone in una stanza, ora sette stanze per ogni persona. Mi è difficile non credere al progresso, anche se il bilancio è rosso quando si vedono nella tv a colori i cruenti delitti di mafia.
Anche dalla critica pretendo me lo si racconti bene, con un’attrazione che non mi lasci fino alla fine. E naturalmente amo narrare il prima e il pio di un’opera di cui scrivo. La critica che narra può suggerire qualche cosa che diventa banale a nominarla. Invecchiando inseguo il piacere corporale della lettura come premessa al godimento intellettuale che procura l’aver capito qualcosa che ti riguarda profondamente. Comicità, sperimentalismo, avanguardia, plurilinguismo, periferie linguistiche. Ore di lezioni su una pagina cercando e inseguendo il filo con cui era tessuta la struttura profonda di un’opera e di un autore. Notti intere a perlustrare testi che cedevano qualche segreto all’alba dopo ventiquattro ore di maniacali verifiche. Poi l’illuminazione, o l’abbaglio, che comunque faceva luce nel tuo rapporto col testo. Un quaderno pieno di appunti da cui ricavare un articolo, anzi un’articolessa. Che forse veniva pubblicata solo perché ero nello stesso tempio il responsabile della pagina libri. studiavo i libri appena usciti come l’ultima manifestazione della tradizione letteraria (la storia dei generi, le variazioni su un mito, un tema attraverso i millenni, le innovazioni e i neoclassicismi che eterni ritornano, le eresie, le alchimie, l’arte della combinazione). E allargavo il varco che si era aperto in un tessuto noto per andare a guardare cosa succedeva di là. Lancinante lo squarcio, anzi eri un altro. Riconobbi la strategia conoscitiva a me congeniale in due parole di Gadda: “deformarsi integrativo”. Si cominci con al deformazioni che fa conoscere l’ignoto e si finisce per integrare la trasgressione che rende accettabile un diversa rivelazione di te. Cercavo da solo la struttura capace di contenere il desino di tutti coloro che credevano possibile migliore il mondo in direzione dell’uguaglianza e delle libertà collettive. Ho riconosciuto subito La giornata dello scrutatore.
Se invece guardo di più alle manifestazioni superficiali cioè agli aspetti formali, mi piace aver raccolto nello stesso volume modi diversi di raccontare la critica. Un saggio “canonico” (Svevo); una costellazione di scrittori che al seguito di Pirandello hanno affrontato la modernità; un pastiche critico, un saggio cioè su Campanile alla maniera di Campanile; una storia della comicità come riso e come umorismo, come consolazione o come contestazione; un frullato di titoli per fulminare i connotati essenziali di Savinio, Gadda e Landolfi; storie e forme della letteratura come inconsapevolezza preveggente in Debenedetti; la rivolta espressioniste delle taciturne donne calabresi colte di sorpresa in un fugace gesto e fissate è per sempre da Alvaro; un discorso antifrastico sull’opposizione Lampedusa-D’Arrigo.
Avanza per antifrasi e altri giochi di parole il mio linguaggio che cerca le cose come une vicenda corre verso il destino di un uomo e di un epoca. Lo ho assunta come figura non retorica delle alternative perenni o storiche: tragico e comico, classico e barocco, trasgressione e nuovo ordine, elementare e complesso, particolare ed essenziale, originalità e d’integrazione, linguaggi alti e linguaggi bassi, monolinguismo e plurilinguismo, dialetti e lingua, follai e sapienza, letteratura e metaletteratura, lirica e narrativa, poetica e poesia, avanguardia e tradizione, realismo e antirealismo, forma e informe, gioco ab interiore e gioco ab exteriore, quotidianità e magia, naturalezza ed artificio, rivoluzione e riforma, nonché tutte le altre opposizioni con cui ha fatto molti passi in avanti, e parecchi indietro, il Novecento. La sua letteratura è solo una piccola fetta della letteratura di ogni tempo. A me è parsa saporita e nutriente, E ora mi è dolce stare sul confine che è la crisi ormai permanente e transizione perenne fra persistenze e differenze.
Cerchi profondamente la propria differenza un’epoca e allora si meriterà la persistenza che pare possa durare per l’eternità. Aspirava alla persistenza a furia di differenze deformanti Carlo Emilio Gadda, cioè “il narratore come delinquente”. Delinque anche il critico con il proprio linguaggio e gli verrà presa l’impronta digitale da conservare negli archivi. Purché naturalmente, oltre alla testa, cioè le idee logiche, spontanee e attuali, abbia pure la mano, cioè la scrittura che stila le parole come un pugnale. Mi fermo subito, sto pensando all’epigrafe, e invece per merito di voi lettori, io oggi mi sento molto vivo e persino vitale.


977 risposte a “UOMINI ALLO SPECCHIO. Confessione di Walter Pedullà”

  1. Pretty element of content. I just stumbled upon your blog and in accession capital to claim that I get actually loved account your blog posts.
    Anyway I’ll be subscribing to your feeds and even I success you get right of entry
    to constantly fast. 0mniartist asmr

  2. What’s up, I want to subscribe for this blog to get latest updates, so where can i do it please help.
    0mniartist asmr

  3. Hello to every body, it’s my first pay a visit of this webpage;
    this weblog includes amazing and in fact fine material in support
    of visitors.

  4. Wonderful goods from you, man. I have understand your stuff previous to and you’re just extremely great.
    I really like what you’ve acquired here, really like what you are stating and the way in which
    you say it. You make it enjoyable and you still take care of to
    keep it wise. I can not wait to read far more from you. This
    is actually a wonderful site.

  5. Every weekend i used to pay a quick visit this web page, as
    i wish for enjoyment, since this this web page conations actually pleasant funny stuff too.

  6. Magnificent items from you, man. I’ve be aware your
    stuff prior to and you are just too excellent. I really like what
    you have received right here, certainly like what you are stating and the way wherein you say
    it. You’re making it entertaining and you continue
    to care for to stay it wise. I cant wait to learn far
    more from you. That is really a tremendous website.

  7. Howdy! I simply would like to give you a huge thumbs up for
    the great information you’ve got here on this post. I am coming back to your web
    site for more soon.

  8. You have made some good points there. I checked on the net for more information about the issue and found most individuals will
    go along with your views on this site.

  9. You should take part in a contest for one of the most useful
    websites online. I most certainly will highly recommend this blog!

  10. Hey there! I just wanted to ask if you ever have any problems with hackers?
    My last blog (wordpress) was hacked and I ended
    up losing many months of hard work due to no back up. Do you have
    any solutions to protect against hackers?

  11. scoliosis
    This is my first time visit at here and i am in fact impressed
    to read all at single place. scoliosis

  12. scoliosis
    Magnificent goods from you, man. I’ve understand your stuff previous to and you’re
    just too great. I actually like what you have acquired here, really like
    what you are saying and the way in which you say it.

    You make it entertaining and you still take care of to keep it
    smart. I can not wait to read much more from
    you. This is actually a wonderful web site. scoliosis

  13. Asking questions are actually good thing if you are not understanding anything entirely,
    except this article presents nice understanding even.

  14. I all the time used to read post in news papers but now as I am a user of net thus from now I am using net for
    articles or reviews, thanks to web.

  15. I simply couldn’t leave your site prior to suggesting that I actually loved the usual info a person provide on your guests?
    Is going to be again incessantly to check out new
    posts

  16. I think that everything published made a ton of sense.

    However, what about this? suppose you were to create a
    killer headline? I mean, I don’t want to tell you how
    to run your website, however suppose you added something
    that makes people desire more? I mean UOMINI ALLO SPECCHIO.
    Confessione di Walter Pedullà | Rivista Origine is kinda plain. You should look at Yahoo’s front page
    and note how they create post titles to get viewers to open the
    links. You might try adding a video or a related picture or
    two to grab people interested about what you’ve written. Just my
    opinion, it might bring your posts a little livelier.

  17. Hi this is somewhat of off topic but I was wondering
    if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML.
    I’m starting a blog soon but have no coding know-how so I wanted
    to get guidance from someone with experience. Any help would be greatly appreciated!

  18. Unquestionably believe that that you said.

    Your favourite reason seemed to be on the internet the easiest thing to have in mind of.
    I say to you, I certainly get irked while other folks think about concerns that they
    just don’t know about. You controlled to hit the
    nail upon the top as smartly as outlined out the whole thing
    with no need side effect , people can take a signal. Will likely be
    again to get more. Thanks

  19. Its like you read my mind! You appear to grasp so much approximately this, such as you wrote the book in it or something.

    I believe that you can do with some % to drive the
    message home a bit, but other than that, that is excellent blog.
    A great read. I will definitely be back.

  20. Thank you, I’ve just been looking for information approximately this topic for a long time and
    yours is the best I have came upon till now. However,
    what about the bottom line? Are you certain in regards to the source?

  21. I am really impressed with your writing skills
    as well as with the layout on your blog. Is this a paid theme or did you modify
    it yourself? Anyway keep up the excellent
    quality writing, it’s rare to see a great
    blog like this one these days.

  22. I’m really enjoying the theme/design of your blog. Do you ever run into any browser compatibility problems?
    A number of my blog visitors have complained about my
    blog not working correctly in Explorer but looks
    great in Opera. Do you have any solutions to help fix this
    issue?

  23. Right here is the perfect web site for anyone who hopes to understand this topic.
    You know so much its almost tough to argue with you (not that I really will need to…HaHa).
    You certainly put a brand new spin on a topic that’s been discussed
    for many years. Wonderful stuff, just wonderful!

  24. My programmer is trying to persuade me to move to .net from
    PHP. I have always disliked the idea because of the expenses.

    But he’s tryiong none the less. I’ve been using
    WordPress on numerous websites for about a
    year and am worried about switching to another platform.
    I have heard excellent things about blogengine.net.
    Is there a way I can import all my wordpress posts into
    it? Any help would be greatly appreciated!

  25. Everyone loves what you guys are usually up too.
    This sort of clever work and coverage! Keep up the superb works guys I’ve incorporated you guys to my personal
    blogroll.

  26. Hello there I am so happy I found your weblog, I
    really found you by error, while I was researching on Google for something else, Nonetheless I
    am here now and would just like to say cheers for a incredible post and a
    all round exciting blog (I also love the theme/design), I don’t have time to look over it
    all at the minute but I have book-marked it and also added your RSS feeds, so when I have time I will be back to read much more, Please do
    keep up the excellent job.

  27. Its like you learn my mind! You seem to know a lot approximately this,
    like you wrote the book in it or something. I believe that you simply could do with some p.c.
    to pressure the message home a little bit, but instead of
    that, that is excellent blog. A great read.
    I’ll definitely be back.

  28. Do you mind if I quote a couple of your posts as long as I provide credit and sources back to your site?

    My blog site is in the exact same area of interest as yours and my visitors would certainly benefit from
    some of the information you present here. Please let me know
    if this okay with you. Appreciate it!

  29. Attractive section of content. I just stumbled upon your site and in accession capital
    to assert that I get actually enjoyed account your blog posts.
    Anyway I will be subscribing to your feeds and even I achievement you access consistently
    quickly. cheap flights http://1704milesapart.tumblr.com/ cheap flights

  30. I know this if off topic but I’m looking into starting my own weblog
    and was wondering what all is needed to get set up? I’m assuming having a
    blog like yours would cost a pretty penny?

    I’m not very internet savvy so I’m not 100% sure.
    Any suggestions or advice would be greatly appreciated. Appreciate it scoliosis surgery https://0401mm.tumblr.com/ scoliosis surgery

  31. I have been exploring for a little bit for any high quality articles or weblog posts in this sort of house .
    Exploring in Yahoo I at last stumbled upon this web site.
    Studying this information So i’m happy to show that
    I’ve an incredibly just right uncanny feeling I found out just what I needed.
    I so much unquestionably will make sure to don?t omit this web site and give it
    a glance regularly. quest bars https://www.iherb.com/search?kw=quest%20bars quest bars

  32. My relatives every time say that I am wasting my time here at net,
    but I know I am getting knowledge daily by reading such nice articles.

  33. Your style is so unique compared to other folks I have read stuff from.
    Many thanks for posting when you’ve got the opportunity, Guess I will just bookmark
    this blog.

  34. Thanks for ones marvelous posting! I quite enjoyed reading it, you are a great
    author.I will be sure to bookmark your blog and may come back down the road.
    I want to encourage continue your great writing, have
    a nice morning!

  35. Good day! This is my first comment here so I just wanted to give a quick shout out and say I genuinely enjoy reading through your
    blog posts. Can you suggest any other blogs/websites/forums that deal with the same topics?
    Thank you!

  36. What’s up, yes this piece of writing is in fact fastidious and I have learned lot of
    things from it on the topic of blogging. thanks.

  37. Hello there I am so thrilled I found your webpage, I really found you by mistake, while
    I was looking on Yahoo for something else, Anyhow I am here now and would just like to say cheers for a
    remarkable post and a all round thrilling blog (I also
    love the theme/design), I don’t have time to read through it all at the minute but I have saved it and also included
    your RSS feeds, so when I have time I will be back to
    read a great deal more, Please do keep up the excellent job.

  38. fantastic publish, very informative. I wonder why the opposite experts of this
    sector do not notice this. You must proceed your writing.
    I’m confident, you have a huge readers’ base already!

  39. Hello would you mind letting me know which webhost you’re working
    with? I’ve loaded your blog in 3 different internet
    browsers and I must say this blog loads a lot faster
    then most. Can you recommend a good internet hosting provider at a reasonable price?
    Thanks a lot, I appreciate it!

  40. The other day, while I was at work, my sister stole my iphone
    and tested to see if it can survive a twenty five foot drop, just so she can be a
    youtube sensation. My apple ipad is now destroyed
    and she has 83 views. I know this is completely off topic but I had
    to share it with someone!

  41. Spot on with this write-up, I seriously think this web site needs far more attention. I’ll
    probably be returning to read through more, thanks for the info!

  42. Hello, Neat post. There’s a problem with your web site in internet
    explorer, might check this? IE still is the
    marketplace chief and a large section of other people will omit your wonderful
    writing because of this problem.

  43. Hey There. I found your blog the usage of msn. This is a really smartly written article.
    I’ll be sure to bookmark it and come back to read extra of your helpful information. Thanks for the post.
    I’ll certainly return.

  44. Hello there! I know this is kinda off topic
    nevertheless I’d figured I’d ask. Would you be interested in trading links or
    maybe guest authoring a blog post or vice-versa? My blog addresses a
    lot of the same subjects as yours and I believe we could greatly benefit from each
    other. If you might be interested feel free to send me an email.
    I look forward to hearing from you! Superb blog by the way!

  45. I will immediately snatch your rss feed as I can not in finding your email subscription hyperlink or e-newsletter service.
    Do you’ve any? Please allow me realize in order that I may just subscribe.
    Thanks.

  46. Hi, I think your site might be having browser compatibility issues.
    When I look at your blog in Ie, it looks fine but when opening in Internet Explorer,
    it has some overlapping. I just wanted to give you a quick heads up!
    Other then that, very good blog!

  47. If some one needs to be updated with newest technologies after
    that he must be pay a quick visit this website and be up to date every day.

  48. Do you mind if I quote a couple of your posts as long as I provide credit and
    sources back to your website? My blog is in the exact same area of
    interest as yours and my users would definitely benefit from a
    lot of the information you present here. Please let me know if
    this alright with you. Thanks!

  49. Wow, wonderful weblog layout! How lengthy have you ever been running a blog
    for? you made blogging look easy. The overall glance of your website is
    excellent, let alone the content!

  50. You actually make it seem so easy with your presentation but I find this matter to be really something which I think I would never understand.
    It seems too complex and very broad for me. I am looking forward for your next post, I will try
    to get the hang of it!

  51. hello!,I like your writing so so much! share we keep
    up a correspondence more about your post on AOL? I require an expert on this space to
    solve my problem. Maybe that is you! Taking a look ahead to see you.

  52. I seriously love your website.. Excellent colors & theme.
    Did you make this amazing site yourself? Please reply back
    as I’m planning to create my very own blog and want to find out
    where you got this from or what the theme is named. Cheers!

  53. Wow, wonderful blog format! How lengthy have you been running a blog for?
    you make running a blog glance easy. The entire look of your site is wonderful, as well as the content material!

  54. It’s going to be finish of mine day, but before finish I am
    reading this wonderful article to increase my
    experience.

  55. You can certainly see your skills within the article you write.
    The sector hopes for more passionate writers like you who
    aren’t afraid to say how they believe. Always follow your heart.

  56. Wonderful goods from you, man. I have understand your stuff previous to and you
    are just extremely great. I actually like what you’ve acquired here, really like what you are
    saying and the way in which you say it. You make it
    enjoyable and you still care for to keep it smart. I can not wait
    to read far more from you. This is really a great website.

    Visit my web page coupon

  57. Heya i’m for the first time here. I came across this
    board and I find It really helpful & it helped me out much.
    I hope to present something again and aid others like you aided me.

  58. I am really loving the theme/design of your web site.

    Do you ever run into any web browser compatibility problems?
    A handful of my blog readers have complained about my site not operating correctly in Explorer but looks great in Opera.
    Do you have any recommendations to help fix this issue?

  59. how can i get pregabalin no prescription [url=https://pregabalin.fun/]can you get cheap lyrica without dr prescription[/url] buy cheap lyrica no prescription

  60. where to get cheap aripiprazole [url=https://aripiprazolelife.online/]can i buy cheap aripiprazole without rx[/url] how can i get generic aripiprazole without a prescription

  61. [url=https://stromectolus.store/#]covid ivermectin[/url] ivermectin side effects in dogs

  62. pharmacie auchan domerat pharmacie berrichonne bourges pharmacie ouverte 24h boulogne billancourt [url=https://maps.google.es/url?q=https://naturalvis.com/boards/topic/567309/lotrel-g%C3%A9n%C3%A9rique-prix-amlodipine-benazepril-en-pharmacie-canada]https://maps.google.fr/url?q=https://br.ulule.com/compre-lasix/[/url] therapie zen .
    cottraux j. les therapies comportementales et cognitives ed. masson 2011 [url=https://maps.google.es/url?q=https://monstergolfshop.com/forum/topic/fluconazol-se-vende-sin-receta-en-ecuador-comprar-diflucan-barato-ecuador/#postid-187210]https://maps.google.fr/url?q=https://monstergolfshop.com/forum/topic/la-prescripcion-al-pedir-ultram-en-linea-comprar-tramadol-barato-espana/#postid-187010[/url] horaire pharmacie autour de moi .
    therapies comportementales [url=https://maps.google.es/url?q=https://monstergolfshop.com/forum/topic/pletoz-se-vende-sin-receta-cilostazol-similares-precio/#postid-187603]https://maps.google.fr/url?q=https://monstergolfshop.com/forum/topic/necesito-receta-para-fluconazole-comprar-donde-puedo-comprar-diflucan-sin-receta/#postid-186871[/url] pharmacie de garde aujourd’hui l’isle jourdain .

  63. where to buy generic pregabalin pill [url=http://pregabalin.site/]buy generic pregabalin[/url] where buy generic pregabalin without a prescription

  64. [url=https://prescriptiondrugs24.com/#]meds online without doctor prescription[/url] meds online without doctor prescription

  65. I don’t even understand how I stopped up right here, but I thought this put up was
    once great. I do not understand who you are but definitely you are going to a famous blogger
    if you are not already. Cheers!

    my website: 2022

  66. safe and effective drugs are available. Get here.
    [url=https://viagrapillsild.com/#]sildenafil 10 mg[/url]
    Learn about the side effects, dosages, and interactions. Some are medicines that help people when doctors prescribe.

  67. I have read your article carefully and I agree with you very much. This has provided a great help for my thesis writing, and I will seriously improve it. However, I don’t know much about a certain place. Can you help me?

  68. Very nice post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I’ve really enjoyed browsing your blog posts. In any case I’ll be subscribing to your feed and I hope you write again soon!