UA-51082228-1 PRATO di Sandro Veronesi | Rivista Origine UA-51082228-1

PRATO di Sandro Veronesi

“Lavorando in casa con quattro vecchi telai mio padre la casa se l’è comprata, mi ha fatto studiare, mi ha regalato la macchina e mi ha pagato le vacanze alle Maldive. Io allora ne ho pre¬si otto, di telai, e mi sono affittato un capannone al ma¬cro¬lot¬to. Volevo fare di più, volevo migliorare; ma ormai c’è lavoro sì e no per sei mesi l’an¬no, e se non e¬ro svel¬to a dare via tutto finivo male come tanti che cono¬sco. Ora faccio etichette da maglieria per i cinesi, L, XL, XXL, e almeno la mesata la porto a casa”. A dir così è un tes¬sitore prate¬se di trent’anni, e posso assicurare che sentir dire questo da un tessitore pratese è come sentir dire da un guer¬riero maori “sì, certo, sono scappato da¬vanti al nemico, ma al¬meno non mi sono fatto male”.
Dopo quasi vent’anni sono tornato a vivere a Prato, la mia cit¬tà, e questo è quello che trovo. Che ci fosse crisi lo sentivo di¬re da un po’, ma questa sembra più che una crisi, so¬miglia a u¬na fine. Due mesi fa, del resto, per chiedere “re¬go¬le che valgano per tutti”, gli industriali pratesi hanno perfino indetto uno scio¬pero – lo sciopero dei padroni, sembra una filastrocca di Gianni Rodari; e se i miei concittadini si sono ridotti a scioperare e a chiedere regole de¬v’ess¬ere per forza successo qualcosa di grave.
In effetti l’im¬pressione è che la città e tutto il distretto tes¬si¬le che le fa capo – uno dei ter¬ritori industrialmente più com¬patti, produttivi, com¬peti¬ti¬vi e ric¬chi d’Europa, così come l’ave¬vo la¬sciato io – siano schiacciati da una pesantis¬sima pagina della storia del capitali¬smo che gli è stata voltata addos¬so. E’ un’im¬pres¬sione che viene par¬lan¬do con loro, gli im¬pren¬ditori, gli arti¬giani, gli o¬pe¬rai, tra i qua¬li circola una rasse¬gna¬zione che da queste parti non aveva mai trovato cittadinan¬za. D’altra parte stiamo parlando di gente rimasta im¬battuta per qua¬ran¬t’an¬ni, che prima d’ora aveva conosciuto solo periodi più o meno flo¬ridi – più flo¬ridi quando andava bene an¬che in tutto il resto del paese, meno flo¬ridi quando andava male –, ma mai, mai, batoste come questa. E’ naturale che sia sotto shock. Né può consolar¬li il fat¬to che gli stessi problemi che mettono in gi¬noc¬chio Prato stiano mi¬nacciando l’intera economia nazionale, tanto da far sorgere quel sospetto di “declino” con¬tro il quale il Capo dello Stato si è recen¬temente pro¬nunciato. Perché di pro¬spettive che possano raddrizzare le cose questa volta non se ne vedono, e e¬spres¬sioni come “rim¬boccarsi le maniche” o “recu¬perare la competitività” suonano ingenue, qui, dove si continua a far pezze sapendo che un paese con un mi¬liardo e mezzo di persone da sfamare, due¬cento mi¬lioni di di¬soccupati e un PIL che cresce del 10% l’anno si è spe¬cializzato nel copiare il frutto del tuo inge¬gno, produrlo più in fretta di te in qualsiasi quantità e conse¬gnarlo in qualsiasi parte del mondo a un prezzo quattro volte in¬feriore. Con questo non voglio dire che Ciampi potesse fare qualcosa di più, oltre a lanciare il suo appello; ma certo, ascoltate da qui, le sue parole sono suo¬nate come un’arringa fatta a Bisanzio nel 1204, in cui si pro¬clama al¬l’im¬pero ormai crollato che è venuto il tempo di rea¬gi¬re.
No, i pratesi sono troppo in prima linea per potersi illudere; come a Carpi, a Biella, a Como, ad Arezzo, a Santa Croce sul¬l’Ar¬no, per parlare solo del tessile-abbigliamento, e in gene¬rale come in tutti gli altri avamposti dell’industria manifatturie¬ra italiana, a Prato sanno benissimo che, per loro, sul terreno dell’e¬conomia glo¬bale si sta consumando una vera e propria tra¬ge¬dia. C’è di che dispe¬rarsi. Ma è il caso di rilevare che a Prato, oltre che di¬spe¬rati, sono anche ab¬bastanza risentiti con chi gli ha venduto la globa¬lizza¬zione come una grande op¬por¬tunità, quando in¬vece si sta rive¬lando, almeno per chi è pic¬colo, eu¬ropeo e co¬stretto a ri¬spettare le regole, una colos¬sale fre¬ga¬tura – e qui ci sarebbe da fare tutto un di¬scorso sui profeti del capitalismo glo¬bale che ci hanno guidato negli ultimi anni, e sulla sottilissima linea che se¬para il loro ottimi¬smo dal fanati¬smo, la loro sfortuna dalla dabbenaggine, la loro buonafede dalla malafede.
Ma forse con Prato la globalizzazione ha semplice¬mente svolto un compito storico, per¬ché forse è l’industria tessile in sé ad avere fatto il proprio tempo, almeno qui. Di sicuro è finito per sempre il tempo in cui consentiva di arricchire fa¬cilmente senza bisogno di essere particolarmente bravi o intelli¬genti – bastava la¬vorare quattor¬dici ore al giorno e non ri¬spettare le re¬gole e non pagare le tasse; è finito il tempo in cui più di mezzo mondo era comunista e in economia non conta¬va, e i pratesi e¬rano i cinesi d’occi¬den¬te, e con il loro si¬stema fatto di rigenera¬zione de¬gli stracci, flessibilità del prodotto, con¬segne veloci e prezzi bas¬si mandavano loro in rovina intere città, – Hud¬der¬sfield, per esempio, dalle parti di Manchester, o Tilburg, in Olanda. Ed è u¬na vera beffa poiché adesso i figli dei pratesi di allora sono più bravi, più preparati, hanno potuto studiare, sanno di marketing, di eco¬nomia e di finanza, ma pro¬prio per¬ché sanno queste cose hanno capito che la cuccagna è finita, l’ar¬ricchi¬mento diffuso è fi¬nito, l’identità collet¬tiva è finita, e quel¬la galassia di filature, tessitu¬re, orditure, aspatu¬re, stribbia¬tu¬re, roccature, ritor¬citu¬re, carbo¬nizzi, follature, ac¬coppiature, tin¬torie e rifi¬nizioni che faceva risplendere la loro città si sta spegnendo inesorabilmente.
Un dramma, dunque – e il peggio deve ancora arrivare. Ma c’è un’altra cosa che va pur detta, e cioè che Prato, rispetto a quando l’avevo lasciata io, vincente, ruggente, invulnerabile, è straordinariamente migliorata. Allora, nel pieno del successo, era una ricca città industriale, brutta e sporca, dove tutto era tra¬scurato e immolato al mito del lavoro: ora, nel pieno della crisi, è una città d’arte bella ed elegante, pulita, piena di passato, per¬fino raffinata, sede di musei e di università: una piccola perla to¬scana pronta per essere inclusa dalle guide turistiche nel no¬vero delle visite raccomandate a chi passi più di due giorni in vacanza a Firenze – cioè circa mezzo milione di persone al mese. I miei concittadini adesso sono troppo distratti dalla pro¬pria via crucis per accorgersene, ma sono anche gente svelta a “cambiar nego¬zio”, quando è necessario, e sono convinto che nei prossimi anni il buco scavato dal crollo dell’indu¬stria tessile verrà col¬mato da quel “turismo alto” che so¬stiene città come Siena, Pisa o Lucca. Basterà accettare il cam¬biamento, smettere di pensare ai cinesi, riconoscere che la storia e la natura sono state molto generose con questa città, e anziché del proprio conto in banca abituarsi a esser fieri del suolo che si calpesta e del paesaggio che si ha intorno: lì per lì, mi rendo conto, è un passaggio diffi¬cile da accettare, che co¬sterà caro e lascerà a terra parecchi ca¬duti; ma è ineluttabile, e sta già avve¬nendo, e dopo, una volta completato e accettato, darà di nuovo di che vivere bene a tutti – un bene regolato sulla qualità della vita più che sul fatturato, sul godimento dei beni più che sul loro possesso. Per¬ché è chiaro che il futuro di Prato (come del resto, io credo, di tutto il nostro paese), non è più nei diktat del¬l’eco¬no¬mia di mer¬cato, dove or¬mai trionfano solo i grandi gruppi multinazionali che violano le regole e i bacini industriali emer¬genti dove la mano d’opera vie¬ne sfruttata, ma nella grande op¬portunità che essa ha di sot¬trar¬visi, grazie a un’altra ricchezza, più soli¬da e stratificata, fatta dei valori storici, artistici, civili e na¬turali che pos¬sono vantare in pochi ma che non fanno PIL – e per questo do¬vevano essere risvegliati dal bacio catartico di un po’ di mise¬ria.

[*] Questo racconto è un’anticipazione dall’antologia Viva L’Italia! edita dalla Fandango.

Scritto da:

Origine - genesi sociale degli immaginari mediali - Direttore MICHELE INFANTE

21 Comments a “PRATO di Sandro Veronesi”

  1. Hdssrc ha detto:

    tadalafil liquid – canadian pharmacy tadalafil tadalafil tablets

  2. Nandlf ha detto:

    generic tadalafil reviews – buy tadalafil online cheap buy tadalafil generic

  3. Pthgxk ha detto:

    propecia coupon – propecia frontal propecia regrowth hairline

  4. Qvbwgj ha detto:

    propecia rogaine – http://propechl.com/ propecia dht blocker

  5. Krfvzs ha detto:

    tadalafil 20 – http://xtadalafilp.com/ tadalafil generic name

  6. Ggbqub ha detto:

    Lizrvv – Pfizer viagra 50 mg online viagra online prescription free

  7. Hlqayo ha detto:

    Gvajlc – cheap real sildenafil Htjjhh fdwqjo

  8. Jlgayf ha detto:

    Njayay – overnight viagra Rckpxj urnnlz

  9. I will immediately grab your rss feed as I can not in finding your email subscription link or newsletter service.
    Do you have any? Kindly let me recognize so that I may subscribe.
    Thanks. 0mniartist asmr

  10. I loved as much as you will receive carried out right here.
    The sketch is tasteful, your authored material stylish.
    nonetheless, you command get got an nervousness over that you wish be delivering the following.
    unwell unquestionably come further formerly again as exactly the same nearly very often inside case you shield this hike.

    0mniartist asmr

  11. 0mniartist ha detto:

    Simply wish to say your article is as astounding.
    The clearness in your post is just excellent and i could assume you’re an expert on this subject.
    Fine with your permission allow me to grab your RSS feed to keep updated with
    forthcoming post. Thanks a million and please keep up the rewarding work.
    asmr 0mniartist

  12. j.mp ha detto:

    You really make it seem so easy with your presentation but I find this topic to
    be actually something which I think I would never understand.
    It seems too complex and extremely broad for
    me. I’m looking forward for your next post, I will try to get
    the hang of it! 0mniartist asmr

Leave a Reply