UA-51082228-1 LA GUERRA NELLA TV – LA GUERRA DELLA TV a cura di Roberto Balzano | Rivista Origine UA-51082228-1

LA GUERRA NELLA TV – LA GUERRA DELLA TV a cura di Roberto Balzano

Tre settimane di combattimenti, migliaia di ore di trasmissioni televisive, centinaia di giornalisti accreditati al seguito dell’esercito anglo-americano, 13 vittime tra cronisti e reporter. Questo, per ora, il bilancio mediatico della guerra all’Iraq.
Al quale vanno aggiunti i mesi dedicati alle snervanti trattative diplomatiche, e l’enorme risonanza avuta nei media (principalmente europei) dalle iniziative del movimento pacifista.
Questa guerra ha rappresentato il maggiore evento mediatico degli ultimi anni, paragonabile soltanto al crollo delle Twin Towers in diretta televisiva l’11 settembre di due anni fa. Ma se quello fu un imprevisto, una tragedia non preventivata e non preventivabile, i media, questa volta, si sono preparati al conflitto in Iraq con mesi di anticipo, con investimenti miliardari, e uno sforzo anche professionale senza precedenti. Al centro di questo processo ci sono state le televisioni. Il pubblico di tutto il mondo, infatti, si è dato appuntamento davanti ai teleschermi la notte del 20 marzo scorso per assistere all’inizio della guerra. E da quel momento sono state tre settimane di guerra in diretta tv. Il balletto di cifre sui morti, le torture ai prigionieri, le bombe sui civili, l’avanzata nel deserto, la presa di Baghdad, le statue di Saddam: tutto è stato mostrato dalle televisioni. O, almeno, questo è quello che hanno tentato di farci credere.
In ogni caso resta indiscutibile che il conflitto in Iraq abbia indicato una nuova via, un nuovo modo di rappresentare la guerra da parte della televisione. Ma, forse, anche un diverso modo di servirsi della tv da parte dei governi. La guerra come evento mediatico, l’utilizzo dei mezzi di comunicazione di massa per veicolare messaggi durante il conflitto: potrebbero essere parte integrante di una precisa strategia “militare”. A questo punto, però, che tipo di scenari si prospettano? Bisogna ripensare il ruolo della televisione? E quali sono le responsabilità della politica?
Abbiamo invitato a discuterne esperti del mondo della cultura e della comunicazione.

Giancarlo De Cataldo

L’interesse per il conflitto in Iraq è stato reale e diffuso, e ha travalicato i limiti del circoletto mediatico. Se ne parlava al bar, nel cortile della scuola dove vanno i miei figli, a cena con gli amici. Ci hanno impressionato, in egual misura, lo scatenarsi repentino della guerra, il silenzio che ha accolto i moniti disperati del Papa e l’altrettanto repentina conclusione (almeno per il momento) delle operazioni più strettamente belliche. Non credo molto ai mostri domestici perché fra le persone è diffusa anche una sana diffidenza dal mezzo televisivo: oltretutto, questa guerra-in-tv, accanto ai noiosissimi esperti (sono sotto campana di vetro, artificialmente tenuti in vita, pronti a essere richiamati in servizio alla bisogna, ossia quando il vespone di turno spacca l’involucro o suona il gong) ha riportato prepotentemente alla ribalta il Giornalista in Prima Linea, quello che le bombe le vede cadere dal vivo, e non si limita a guardarle sullo schermo.
Certo il tam tam continuo di notizie rischia di generare una grande confusione nella platea televisiva! Ma la confusione è un’arma di governo, una potente arma di governo! La confusione è l’anima stessa dell’informazione via TV. Personalmente, sono contrario alle censure, di ogni genere, forma, tipo. Ma se c’è un appunto da muovere al carrozzone dei media è, semmai, quello di aver eccessivamente edulcorato la violenza della guerra. Non si può esecrare la violenza senza conoscerla. E, dunque, mostrarla. Ma dobbiamo comunque considerare che l’informazione è sottoposta ad una pesante operazione di filtraggio. Da quando è caduto il Muro di Berlino i media grondano ideologia. Il filtro ideologico è, come si diceva un tempo, “a monte”, nella confezione del servizio, nell’impaginazione retorico/propagandistica, nei commenti degli esperti. In tutto ciò, il reportage “puro e semplice”, laddove riesca a filtrare fra le rigide maglie del filtro ideologico, è una boccata d’ossigeno. Mentre il ring continuo dei programmi d’intrattenimento (o soi-disant di approfondimento) è ideologia brutale, manipolazione, contrazione del tempo umano necessario alla riflessione e alla verifica, sua trasformazione in un agglomerato di “shots” pieni (rectius: vuoti) di Nulla. Stupidità eletta a Sistema. E, nel contempo, accanto al modello “marziale” propugnato da questo tipo di programmi sopravvive, in ottima salute, il modello “Mulino Bianco” di molta fiction.
Si dovrebbe ripensare la televisione, ma è impossibile in un regime duo(mono?)-polistico. Se ne potrà cominciare a parlarne se e quando sulla scena si affacceranno dieci, quindici soggetti, latori di differenziati stili, idee, valori, visioni della realtà.
La guerra è mediatica (io credo) nella misura in cui gusti, orientamenti, vocazioni e culture si possano mediaticamente determinare. Ma se stiamo ai fatti, dobbiamo affermare che gli Americani hanno vinto:
– nei tempi previsti;
– nei modi previsti;
– con (dal punto di vista strettamente strategico) il miglior risultato possibile sul piano del conto profitti e perdite: infliggendo il massimo danno al nemico con il maggior utile proprio. Hanno vinto sul campo, mica all’obiettivo!
È questa la verità che si impone, di là dalla propaganda e dall’influenza (in questo caso limitata) del mezzo. Insomma, non sopravvalutiamo i media: controllarli è fondamentale, ma non esauriscono in sé tutte le infinite potenzialità dell’umana depravazione. La TV sarà anche diabolica, ma il peggior Satana resta pur sempre lui, il buon vecchio bipede implume.

Carlo Freccero

La II guerra del golfo si è basata, mediaticamente, su una serie di ambiguità.
Da un lato Saddam conosceva la debolezza della cultura occidentale e la sua avversione per la violenza e pensava di strumentalizzarla.
Come per la prima guerra del golfo, l’esibizione dei prigionieri poteva essere usata come arma impropria. Saddam sapeva anche che un protrarsi delle operazioni di guerra avrebbe portato all’esibizione delle vittime: donne, bambini, civili e puntava su un allungamento del conflitto. Lo strazio delle vittime è fondamentale per ottenere l’”effetto Vietnam”.
Bush non poteva replicare il vuoto mediatico della I guerra del golfo, perché si trattava allora di bombardamenti dall’alto. Per abbattere un regime, il territorio deve essere conquistato anche da truppe di terra. La guerra riacquista visibilità, inoltre, per la prima volta, con il videotelefono, le azioni, anche marginali, potevano andare in diretta senza difficoltà.
Lo sforzo dell’amministrazione americana è andato quindi in direzione di una mitizzazione della guerra. La guerra è stata presentata come guerra giusta. Sono stati rispolverati gli stereotipi hollywoodiani della guerra come fabbrica di civiltà. Per evitare l’effetto Vietnam la scommessa si è basata poi sull’accorciamento dei tempi del conflitto sul territorio.
Si è trattato di lavorare prima in campo lungo, con bombardamenti su obiettivi mirati. Le immagini scenografiche delle città in fiamme suggerivano con toni cromatici da technicolor, la dimensione eroica della guerra, in contrapposizione ai lampi verdi da videogame della I guerra del golfo.
Dato che i danni mediatici possono venire soprattutto dal prolungarsi del conflitto e da una visione ravvicinata sul territorio, per la prima volta i reporter di guerra sono stati affidati alla protezione delle truppe per ottenere l’effetto di una completa saldatura tra il punto di vista dei media e dei soldati. I giornalisti di guerra, condividendo le esperienze dei militari, sapevano anche che la loro vita dipendeva da loro. La loro visione non poteva che essere di parte.
Ma vi sono immagini che sfuggono a qualsiasi logica, a qualsiasi ideologia, a qualsiasi manipolazione.
Ci sono immagini che non possono essere recuperate. Così ancora una volta, il protrarsi del conflitto ha portato con sé la censura. Non a caso tra gli obiettivi militari di questa guerra troviamo le sedi della televisione irachena. E il bombardamento dei giornalisti all’Hotel Palesatine, non è stato certo giustificato dalla presenza dei cecchini.
L’informazione non è un obiettivo militare. La sua aggressione non è giustificata né giustificabile. Eppure evidentemente è considerata essenziale per battere il nemico.
C’è quindi anche una censura interna dei media americani. Nell’articolo su La Repubblica del 26-03-3003 “La guerra che si vede in Europa e che i media USA non raccontano”, Maurizio Ricci constata come le immagini americane sulla guerra siano a favore della tesi di governo “è una guerra pulita, asettica, dove, sui teleschermi, quasi non si vede sangue e i civili inquadrati sono quasi solo quelli che strappano, tra le uniformi dei marines, i manifesti di Saddam”. Insomma, le divergenze tra europei ed americani, su questa guerra, sono legate ad un uso strumentale delle immagini da parte dei media: “vediamo le cose in modo diverso, perché vediamo notizie diverse”.
Del resto l’informazione americana non si limita alla censura, all’omissione, al black-out.
Se il nemico della guerra è l’informazione, bisogna combattere sul piano dell’informazione.
La censura è solo una forma di difesa.
Per la prima volta accanto alle armi intelligenti sono state schierate le truppe dell’informazione di parte.
La rete di informazione Fox e addirittura la storica Cnn hanno assunto un atteggiamento attivo nei confronti della difesa delle ragioni della patria.
L’informazione americana sembra uscita definitivamente dalla storica fusione di critica e di controllo dell’azione pubblica per farsi braccio armato dell’ideologia ufficiale.
Ma, a questo punto, possiamo ancora parlare di libero orientamento dell’opinione pubblica? [•]

Angelo Guglielmi

Un evento come la guerra va maneggiato con cautela. L’eccessivo carico di notizie e il bombardamento mediatico, determinano quello che potremmo chiamare un “effetto rumore”: così come il rumore non permette di distinguere i suoni, allo stesso modo l’eccesso di informazione, al contrario di quanto auspicato, crea una sorta di azzeramento della notizia. Diviene talmente complicato riuscire a gestire e filtrare il flusso di comunicazione che lo spettatore si trova in una condizione praticamente inerte.
Oggi viviamo una fase di cambiamento storico: il giornalismo di guerra sta radicalmente mutando. Il realismo e la crudezza di certi servizi, la presenza massiccia di inviati dal fronte: si sta facendo strada un modo esoso di intendere il ruolo della tv nella rappresentazione della guerra. È evidente, ad esempio, che gli operatori che girano per la tv hanno in mente modelli “iconografici” direttamente derivanti dal cinema, dai film di guerra dei vari Kubrick e Coppola.
L’affermarsi di questo modello implica un ripensamento del ruolo della televisione, proprio in quanto veicolo potentissimo di messaggi, e sicuramente siamo di fronte ad una situazione dagli aspetti molteplici. In ogni caso, io tenderei ad evidenziare almeno un aspetto positivo di questa nuova via nel mostrare la guerra. Il maggiore realismo e la comunicazione così attenta, infatti, possono senza dubbio essere uno strumento forte per alimentare l’indignazione ed il rifiuto della guerra. È questo un fattore non secondario, una prospettiva da privilegiare, su cui insistere per adeguare la tv alle esigenze di civiltà e crescita sociale. Io credo, ad esempio, che la grande mobilitazione contro la guerra alla quale abbiamo assistito in questo periodo, sia stata senza dubbio favorita dall’attenzione riservata dai media. Si tratta, per adesso, di una tendenza, ma dalle enormi potenzialità.
La realtà della televisione di oggi, comunque, non è sempre incoraggiante. Pensiamo alla guerra all’Iraq: il flusso di informazioni, di notizie, di servizi e dibattiti, è stato enorme. Ma l’approfondimento, la spiegazione dei reali perché di un evento tremendo come la guerra, è stato, salvo rarissimi casi, di una superficialità disarmante. Il compito della tv deve essere quello di spiegare, di indagare, non di limitarsi a riferire o a mostrare. Molti, ad esempio, di quelli contrari alla guerra all’Iraq, si sono trovati a condividere la posizione di un conservatore come Chirac, ma siamo sicuri che le motivazioni del “no” fossero le stesse? Qualcuno ha provato a spiegarci le ragioni reali di questa guerra? Possibile che la posizione di Blair e degli inglesi fosse motivata soltanto da una non accertata sudditanza nei confronti degli americani? O c’è dell’altro? E se c’è, perché nessuno ce lo racconta? Aldilà di quello che si dice, il pubblico televisivo sarebbe in grado di comprenderlo benissimo…

Franco Monteleone

Non ho una concezione fondamentalista della tv. La realtà che essa mostra entra nelle consuetudini di ascolto di un pubblico molto cambiato. E che ad essa si adegua. È assolutamente naturale che lo spettacolo mediatico della guerra assorba l’attenzione dello spettatore in misura particolare. Ma, nel caso specifico della campagna “Iraqui Freedom”, la ripetitività delle immagini, sempre più o meno le stesse, ha finito per attenuare di molto l’interesse degli spettatori. La tv livella i prodotti che offre, ma per fortuna non è ancora riuscita a livellare la soglia della nostra percezione. Non a caso “Porta a Porta” ha tanto successo, perché almeno tenta, anche se in modo approssimativo, di spiegare ciò che i Tg mostrano soltanto.
Pensiamo ai film di guerra. Essi corrispondono ad un immaginario fortemente correlato all’emotività di un ricordo diretto o indiretto, soprattutto della seconda guerra mondiale. Spesso sono stati grandi opere – Il giorno più lungo o Attack! solo per fare due esempi magistrali – frutto di intensa creatività spettacolare. La realtà descritta dall’immaginazione, come dimostra la fantascienza, è assai più seducente della realtà reale: spesso brutta, sudicia, e sofferente. Questa realtà, diversamente da ciò che si può pensare, non è affatto senza veli, anzi è sempre più censurata e addomesticata.
Proprio per questo non aggiungerei altri filtri a quelli già disposti dagli Uffici Stampa degli eserciti di tutto il mondo. Possiamo dire, per esempio, di aver visto, in un mese di conflitto in Iraq, dei veri reportages? Io non me ne sono accorto. Mi sono accorto invece di una insopportabile iterazione di non-notizie, scodellata sul video, in particolare da una corrispondente del TG 3, con una enfasi emotiva del tutto inutile. L’unica televisione che ha cercato di realizzare una buona copertura informativa sulla guerra è stata Al Jazeera. I media italiani sono stati certamente brillanti nella loro dovizia espositiva ma sostanzialmente inefficaci. Quelli anglosassoni, e soprattutto i media americani, addirittura reticenti, cauti o, come afferma Mark Hertsgaard, falsamente patriottici. I media, è logico, accorrono là dove accadono i disastri: è nella logica dell’informazione. Si tratta di saperli raccontare con coraggio e grande professionalità. Ma ci vuole molta più bravura nel raccontare una battaglia che nel fare il resoconto di un consiglio dei ministri. Il fatto è che nessuno racconta più le guerre, dal momento che non è più libero (e lo sarà sempre meno) di rischiare, di vedere, di riferire. L’esplosione mediatica in estensione ha sacrificato la profondità.
La tv va ripensata, certo, ma la questione andrebbe rivolta a chi governa l’intero sistema, cioè alla politica. Credo, tuttavia, che la politica – nonostante il continuo strapparsi i capelli – sia molto soddisfatta della tv che ha concorso a generare. Almeno in Italia.

Mario Morcellini

Un primo bilancio del ruolo della comunicazione nel conflitto in Iraq non può prescindere dalla constatazione di come la riflessione sull’operato del sistema mediale abbia rappresentato un corollario centrale – se non la vera e propria cifra distintiva – dell’informazione di guerra. In molti casi, e per gran parte del conflitto, il tema della guerra ha rappresentato una sorta di “prisma” attraverso cui ogni mezzo di comunicazione proiettava il racconto di se stesso e degli altri media: mai, prima d’ora, l’autocoscienza dei media era sembrata così coessenziale al conflitto, e persino alla pace.
E, ancora, il tema della guerra – non solo per i media, ma soprattutto per la “gente” – risulta il principale argomento di discussione, all’interno di un panorama in cui la televisione, insieme alla carta stampata, si conferma ancora una volta il vero fulcro del bisogno di comunicazione in momenti di non ordinaria emergenza informativa. Ancora una volta, di fronte alla forza trascinante che – in “tempo di guerra” – il mainstreaming televisivo esercita sul pubblico, molte delle altre forme di mediazione sono sembrate letteralmente impallidire. Tuttavia, i rapporti di forza in campo non sembrano più riducibili all’idea di uno strapotere dei media rispetto alla platea del loro pubblico, ma segnano di fatto una più spiccata capacità di critica e di elaborazione, soprattutto da parte di quel settore di opinione pubblica maggiormente abituata alla frequentazione dei media.
Giorno dopo giorno, le immagini e le notizie sono state esse stesse armi per la battaglia, strumenti di guerra, vero e proprio terreno di contesa. In questo senso, l’aumento dell’attenzione nei confronti delle prestazioni dei media è sicuramente in grado di produrre un’informazione più critica, più puntuale e più libera: il tributo di vite di molti giornalisti sta lì a ricordarcelo.

Pino Scaccia

Il rischio che la guerra diventi spettacolo indubbiamente c’è. Ma ritengo che sia un rischio da correre. Nella gente non c’è semplice curiosità, c’è reale interesse perché anche quest’ultima guerra può avere ripercussioni dirette sulla nostra vita. Dunque, la televisione diventa strumento essenziale per un’informazione in presa diretta. Sarebbe stupido e culturalmente dannoso in certi momenti occuparsi di altro.
L’altro rischio è senza dubbio una sorta di esibizionismo che va evitato rispettando le regole di buonsenso e di coscienza. Credo che molti filtri siano stati messi. Del resto, non va neppure del tutto nascosta la “crudezza” della guerra, altrimenti davvero si sfiora un rischio peggiore: di trasformare la guerra in un esercizio militare, come se non ci fossero lutti e rovine, come se fosse tutto finto.
Nel complesso, parlo della televisione italiana, il conflitto in Iraq è stato seguito bene e in maniera sufficientemente corretta. Soprattutto per la prima volta forse si è stati alla pari con le grandi reti americane sul piano tecnologico, che è la vera svolta della televisione moderna. L’importante ormai non è esserci, ma avere la capacità di comunicare (se possibile, nel momento stesso in cui accade). È evidente che la corsa al futuro è su questo piano, con strumenti sempre più potenti. Ciò richiede uno sforzo economico non indifferente ma è indispensabile per restare competitivi. Il video-telefono ha dimostrato che si possono, ad esempio, coprire anche carenze politiche, si può cioè superare il divieto di trasmettere via satellite: un handicap che nella prima guerra del golfo sfavorì tutte le televisioni del mondo, fuorché la Cnn che riuscì ad ottenere un accordo con il governo di Saddam, diventandone in cambio il megafono. Ma si può fare di più.
In ballo non c’è soltanto una supremazia televisiva, ma lo stesso futuro del mondo. Non c’è dubbio che ormai le guerre, aldilà delle armi, siano diventate conflitti essenzialmente mediatici. L’uso della comunicazione può risultare decisivo e non è più un appannaggio esclusivo della cultura occidentale. Mi diceva la mia interprete croata durante la guerra con i serbi: “Vale più quell’occhio che dieci stinger. Perché con gli stinger si uccidono cento nemici, con quello si vince la guerra”. L’occhio, naturalmente, era quello della telecamera.

Scritto da:

Origine - genesi sociale degli immaginari mediali - Direttore MICHELE INFANTE

118 Comments a “LA GUERRA NELLA TV – LA GUERRA DELLA TV a cura di Roberto Balzano”

  1. Dfvvax ha detto:

    tadalafil canadian pharmacy – tadalafil generic online tadalafil tablets

  2. Hkbacn ha detto:

    propecia testosterone levels – buy brand name propecia online buy propecia online

  3. Xjzjig ha detto:

    how much does propecia cost without insurance – http://propechl.com/ propecia regrowth hairline

  4. Rfebin ha detto:

    generic tadalafil reviews – tadalafil and alcohol side effects buy tadalafil online

  5. Mqefhb ha detto:

    help with my assignment – http://boessay.com/ professional paper writers

  6. Kdmjbk ha detto:

    Okauem – http://virviaga.com/ pharmacy viagra

  7. Mqnnlt ha detto:

    Ystdyq – best tadalafil generic Rgxmcu ybhqmg

  8. Hesqmp ha detto:

    Niacog – media essay writing Xyxhjy plyjka

  9. Rwsweb ha detto:

    Ebcssf – propecia generic Ftefds bjacam

  10. Syuaty ha detto:

    Ecvlsm – finasteride 1mg price Oqjlmj hpubfr

  11. Lsbnhm ha detto:

    Nvqngp – harvard essay writing Comoyz vnalcb

  12. I every time spent my half an hour to read this webpage’s articles
    or reviews everyday along with a mug of coffee. 0mniartist
    asmr

  13. Kapset ha detto:

    Bvtpjq – sildenafil india Mcdxwn ftapic

  14. Pretty nice post. I just stumbled upon your weblog and wanted to say that I have really enjoyed surfing around your blog posts.

    In any case I will be subscribing to your rss feed and I hope you
    write again very soon! 0mniartist asmr

  15. 0mniartist ha detto:

    Nice blog! Is your theme custom made or did you download it from somewhere?
    A theme like yours with a few simple adjustements would really make my blog stand out.
    Please let me know where you got your design. Thanks asmr 0mniartist

  16. These are in fact impressive ideas in concerning blogging.
    You have touched some nice points here. Any way keep up wrinting.

    asmr 0mniartist

  17. http://j.mp/ ha detto:

    I am really inspired with your writing talents
    as smartly as with the structure to your blog. Is that this a paid topic
    or did you customize it yourself? Anyway stay up the nice quality writing, it’s rare to look a nice weblog like this one these days..

    0mniartist asmr

  18. Kkxgjk ha detto:

    buy viagra online legitimate – alternativas ala viagra viagra cheap prescription

  19. gamefly on ha detto:

    Pretty section of content. I just stumbled upon your blog
    and in accession capital to assert that I get actually enjoyed account
    your blog posts. Any way I will be subscribing to your augment
    and even I achievement you access consistently quickly.

  20. Bujyyo ha detto:

    cheapest lyrica online – buy lyrica lyrica without rx

  21. my asmr ha detto:

    A fascinating discussion is worth comment. There’s
    no doubt that that you should publish more on this issue, it might not be a
    taboo matter but usually people don’t speak about these topics.
    To the next! Cheers!!

  22. asmr and ha detto:

    This paragraph gives clear idea designed for the new visitors of blogging,
    that actually how to do blogging.

  23. asmr an ha detto:

    You really make it appear really easy together with your presentation but I find this matter to be actually one thing that I feel I’d never understand.
    It sort of feels too complex and very huge for me.
    I am having a look ahead to your subsequent publish, I’ll try
    to get the grasp of it!

  24. Namkjc ha detto:

    nexium tablets best price – buy topamax online yasmin tablet price india

  25. Oayyzu ha detto:

    stromectol 3 mg tablet – ivermectin buy nz stromectol uk buy

  26. Ltzqbv ha detto:

    ivermectin cost canada – stromectol nz stromectol 3 mg dosage

  27. gamefly the ha detto:

    Excellent web site you’ve got here.. It’s hard to find excellent writing like yours nowadays.
    I seriously appreciate individuals like you!
    Take care!!

  28. asmr off ha detto:

    Excellent article. I am facing some of these issues
    as well..

  29. http://bit.ly ha detto:

    I think the admin of this web site is truly working hard
    for his web site, for the reason that here every stuff is quality based
    information.

  30. Jqczjz ha detto:

    where to buy ivermectin pills – ivermectin cost stromectol uk

  31. asmr off ha detto:

    I’ll immediately take hold of your rss as I can’t find your email subscription hyperlink or newsletter service.

    Do you’ve any? Kindly let me recognize in order that I could subscribe.
    Thanks.

  32. but asmr ha detto:

    I have read so many articles regarding the blogger lovers
    but this post is truly a pleasant piece of writing,
    keep it up.

  33. Wlzuud ha detto:

    stromectol tab 3mg – where to buy ivermectin stromectol 3mg

  34. Smzkmq ha detto:

    plavix 300 mg daily – plavix 75mg tab clopidogrel price uk

  35. www.mapquest.com ha detto:

    scoliosis
    Heya i am for the first time here. I came across this board and I find It truly useful & it helped me out a lot.
    I hope to give something back and help others like you aided me.
    scoliosis

  36. www.crokes.com ha detto:

    scoliosis
    Great blog right here! Also your site quite a bit up very fast!
    What host are you the use of? Can I am getting your affiliate link on your host?
    I wish my site loaded up as fast as yours lol scoliosis

  37. Zthmof ha detto:

    waar kan ik veilig viagra kopen – hoe lang is viagra houdbaar wat kost een viagra pil

  38. j.mp ha detto:

    scoliosis
    This post offers clear idea in support of the new people of blogging, that
    in fact how to do blogging and site-building. scoliosis

  39. Zhpjdm ha detto:

    porno gay viagra – viagra 50 mg precio crema viagra

  40. dating sites
    First of all I want to say superb blog! I had a quick question which
    I’d like to ask if you do not mind. I was interested to know how
    you center yourself and clear your head prior to writing.

    I’ve had a difficult time clearing my mind in getting my ideas
    out there. I truly do take pleasure in writing but
    it just seems like the first 10 to 15 minutes are usually wasted just
    trying to figure out how to begin. Any recommendations or hints?
    Thank you! dating sites

  41. that asmr ha detto:

    After I originally commented I appear to have clicked the -Notify me when new comments are added- checkbox
    and now each time a comment is added I receive
    four emails with the exact same comment. Perhaps there is an easy method you can remove me
    from that service? Kudos!

  42. Fzpnjb ha detto:

    how to get bactrim without a prescription – bactrim cost bactrim medicine online

  43. Gaptyx ha detto:

    foreign pharmacy online – farmacia order cialis professional online medstore online pharmacy

  44. where dating sites ha detto:

    I used to be suggested this website by my cousin. I’m now not certain whether or not this submit is written via him as nobody else recognise such
    specified approximately my problem. You’re wonderful!
    Thanks!

  45. Thanks for your marvelous posting! I really enjoyed reading it, you might be a great author.

    I will ensure that I bookmark your blog and will come back in the future.
    I want to encourage you to continue your great job,
    have a nice morning!

  46. DZxDP5P ha detto:

    420100 829687Cheap Gucci Handbags Is usually blogengine much better than wp for reasons unknown? Should be which is turning out to be popluar today. 66024

  47. Homepage ha detto:

    … [Trackback]

    […] Informations on that Topic: rivistaorigine.it/digital-media/roberto-balzano/ […]

  48. on dating sites ha detto:

    An intriguing discussion is worth comment. I believe that you should publish more
    about this subject matter, it may not be a taboo subject but
    generally people do not discuss these topics. To the next!
    Kind regards!!

  49. Rzbqmj ha detto:

    levothyroxine 125 mg price – levothyroxine 100 mg price levothyroxine cost in canada

  50. Greetings! Very useful advice in this particular article!
    It’s the little changes which will make the greatest changes.
    Many thanks for sharing!

  51. Pretty component of content. I just stumbled upon your web site and in accession capital to assert that I get
    in fact loved account your blog posts. Anyway I’ll be subscribing
    in your augment and even I fulfillment you get admission to constantly fast.

  52. there dating sites ha detto:

    Wow, that’s what I was searching for, what a information!
    present here at this blog, thanks admin of this web site.

  53. I think this is among the most important information for me.
    And i’m glad reading your article. But wanna remark on few general things,
    The site style is wonderful, the articles is really excellent : D.
    Good job, cheers

  54. Hi there it’s me, I am also visiting this web page daily, this web page is really pleasant
    and the viewers are genuinely sharing fastidious thoughts. https://hydroxychloroquinee.com/

  55. Egkyvl ha detto:

    walmart amoxicillin price – amoxicillin without prescription order Amoxil

  56. Great information. Lucky me I recently found your blog by accident (stumbleupon).
    I have bookmarked it for later!

  57. Having read this I believed it was extremely enlightening.
    I appreciate you taking the time and energy to put this article together.
    I once again find myself personally spending a significant amount of
    time both reading and posting comments. But so what, it was still worthwhile! http://cleckleyfloors.com/

  58. Plzdmz ha detto:

    generic vardenafil without prescription – vardenpll buy vardenafil online cheap

  59. This article is genuinely a fastidious one it helps new the web
    visitors, who are wishing in favor of blogging. https://aurogra.buszcentrum.com/

  60. Hello i am kavin, its my first occasion to commenting anyplace,
    when i read this paragraph i thought i could also make comment
    due to this brilliant piece of writing. http://droga5.net/

  61. Uprxhs ha detto:

    online vardenafil uk – viagra vs cialis vardenafil cost where to buy vardenafil online

  62. tetracycline 500mg ha detto:

    Hiya! Quick question that’s completely off topic. Do you know how
    to make your site mobile friendly? My blog looks weird when viewing from my iphone.

    I’m trying to find a theme or plugin that might be able to
    fix this problem. If you have any recommendations,
    please share. Many thanks! http://antiibioticsland.com/Tetracycline.htm

  63. What a data of un-ambiguity and preserveness of precious know-how about unexpected emotions. https://amstyles.com/

  64. Awesome issues here. I’m very glad to see your post.
    Thanks a lot and I am having a look forward to contact you.
    Will you please drop me a e-mail? https://hhydroxychloroquine.com/

  65. Cesqod ha detto:

    canadian pharmacy meds reviews – http://pharpls.com/# mail order prescription drugs from canada

  66. Nxdqth ha detto:

    cheapest cialis 20mg online – cialis online uk pharmacy cialis price compare

  67. Appreciation to my father who informed me on the topic of
    this web site, this web site is genuinely amazing. https://www.herpessymptomsinmen.org/where-to-buy-hydroxychloroquine/

  68. Gillbn ha detto:

    sildenafil 36 – viagra online south africa 200 mg sildenafil

  69. Very quickly this site will be famous among all blog people, due to it’s fastidious content https://atadalafil.online/

  70. Warvzh ha detto:

    best place to buy vardenafil online – buy real vardenafil online vardenafil dosage

  71. buy xenical online ha detto:

    Very good article. I’m experiencing many of these issues as well.. https://canadiandrugstorerx.com/weight-loss/xenical.html

  72. Vjwetn ha detto:

    vardenafil reviews men – generic vardenafil cost generic vardenafil india

  73. Jftpok ha detto:

    ivermectin tablets for sale walmart – buy stromectol uk buy stromectol uk

  74. buy cialis 60mg ha detto:

    Hi, I do think this is an excellent website. I stumbledupon it 😉 I may return once again since i have saved as a favorite
    it. Money and freedom is the greatest way to change, may you be rich and continue to guide other people. http://cialllis.com/

  75. This article presents clear idea for the new people of blogging, that genuinely how to
    do blogging and site-building. http://hydroxychloroquined.online/

  76. Eozonw ha detto:

    sildenafil 120mg over the counter – online female viagra buy generic viagra online canada

  77. Asjlvv ha detto:

    tadalafil buy india – buy cialis professional cialis online australia

  78. Fastidious replies in return of this query with real arguments and describing everything about
    that. http://herreramedical.org/azithromycin

  79. Ynbadk ha detto:

    cheap generic prednisone – prednisone medicine buy deltasone

  80. cytotmeds.com ha detto:

    Thank you.

    Youseful blog. Good post.

  81. Wonderful site. A lot of useful information here.
    I’m sending it to some buddies ans also sharing in delicious.
    And certainly, thank you on your effort! http://herreramedical.org/ivermectin

  82. Arhbzg ha detto:

    vardenafil rezeptfrei – vardenafil half life buy vardenafil no prescription

  83. Idwhpq ha detto:

    lyrica medication generic – lyrica capsules 25 mg lyrica price comparison

  84. Yroyom ha detto:

    buy zithromax 100mg online – site order azithromycin 500mg

  85. This design is wicked! You definitely know how to keep a reader entertained.
    Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well,
    almost…HaHa!) Fantastic job. I really loved what you had to say, and more than that, how you presented it.

    Too cool! https://www.herpessymptomsinmen.org/productacyclovir/

  86. prednisone 20 mg for sale

    or ciliary body whatever

  87. Vjhqib ha detto:

    prednisolone drug – online pharmacy uk prednisolone prednisolone generic

  88. is hydroxychloroquine a type of drug

    discussion intense pulsed light asset

  89. long term effects of dapoxetine

    action cauda equina islamic

  90. Gietsp ha detto:

    covid and ivermectin – ivermectin 18mg stromectol pill price

  91. Znwcrs ha detto:

    can i purchase sildenafil over the counter – sildenafil 120mg over the counter buy cheap sildenafil

  92. Ftuvul ha detto:

    lasix no prescription – lasix pills for sale doxycycline 3142

  93. Hjtcgl ha detto:

    priligy online 30mg – buy priligy online tadalafil soft

  94. priligy cheap ha detto:

    dapoxetine for premature ejaculation

    save arrector pili bible

  95. Jogkmt ha detto:

    new treatments for ed – ed solutions new ed pills

  96. DavidCok ha detto:

    https://ivermectinstr.com/# stromectol liquid

  97. Fkewno ha detto:

    where to buy prednisone without a prescription – prednisone canada prednisone 25 mg tabs

  98. hydroxychloroquine 200mg buy

    control capillaries hundred

  99. Zfbagw ha detto:

    provigil vs nuvigil – modafinil side effects provigil dosage

  100. Yuvssl ha detto:

    isotretinoin accutane – accutane medicine in india accutane price in mexico

  101. Thanks for the good writeup. It in truth was once a enjoyment account it.

    Glance complex to far introduced agreeable from you! By the way,
    how can we be in contact? http://www.deinformedvoters.org/hydroxychloroquine

  102. Tukvzz ha detto:

    generic tadalafil 2019 – cialis online buy legitimate online pharmacy

  103. Ubswng ha detto:

    generic ivermectin for humans – buy ivermectin for humans stromectol south africa

  104. Gsccyc ha detto:

    price of accutane without insurance – buy 40mg accutane online accutane for sale

  105. Tlaauo ha detto:

    lyrica – where can i buy lyrica canada drugs laws

  106. Qwltjq ha detto:

    amoxicillin without a doctor‘s prescription – amoxicilin usa buy amoxicilina 500 mg from mexico

  107. Okbsid ha detto:

    cheap viagra pills canada – sildenafil rx sildenafil online prices

  108. Mlorge ha detto:

    cheap brand name cialis – buying tadalafil from india buy cialis pay with paypal

  109. Dfcryw ha detto:

    buy ivermectin cream for humans – ivermectin generic price of ivermectin liquid

  110. Engsdy ha detto:

    prednisone in uk – 10mg prednisone buy prednisone without a prescription

  111. Lkulyx ha detto:

    generic modafinil – order modafinil online modafinil alternatives

  112. Gnfyif ha detto:

    clomid for sale – cheap clomid clomid 50 mg

Leave a Reply