UA-51082228-1

INCHIESTA / SUD & LETTERATURA – 10 domande a 10 scrittori sul loro SUD + un intervento passionale fuori campo a cura di Michele Infante


1. Quando scrive si guarda intorno, vede la sua gente, ricorda i volti della sua famiglia, le strade che ha percorso da ragazzo, il paesaggio osservato dalla finestra della sua camera. Cosa è cambiato nei volti, nelle strade, tra la gente del Sud di oggi?

ALAJMO: Scrivere significa praticamente non fare altro. Cioè: ricordare e confrontare. Il serbatoio dell’immaginario ha fatto il pieno nei primi dieci anni di vita, e il resto è cercare di scoprire come le cose cambiano nel frattempo. I cambiamenti sono tanti, ma possono essere ricondotti a uno: sono aumentati i desideri. E sono spesso desideri inconsulti, che la televisione suscita indiscriminatamente anche su un tessuto poco meno che arcaico come è quello siciliano.
CACOPARDO: Sono cambiate molte cose, nel Sud di questo paese, dai tempi in cui ero ragazzo. L’altezza, per esempio, dei giovani è cresciuta e di molto e i visi sono meno asciutti e intensi più pieni e soddisfatti. E poi le abitudini di vita. Vanno in pizzeria e in discoteca e bevono birra in uno dei tanti pub aperti dovunque anche nel più sperduto dei paesini nei monti Peloritani. Pensate che a Savoca, il posto dove c’è il bar nel quale è stato girato il Padrino, dalle granite di limone profumate come un fiore di limone, i ragazzi vanno al pub là vicino e consumano gelati confezionati e bibite americane e inglesi. Una cosa non è cambiata, però: la disperazione per il futuro incerto, senza speranza. E chi ha la forza e il coraggio va via al Nord, il perenne Nord.
CILENTO: E’ tutto più ricco in apparenza, o forse meno povero, più luccicante. Alla fine degli anni Settanta io avevo una decina d’anni: non è passato, in fondo, molto tempo, ma ricordo certo una presenza della natura maggiore di quanta oggi ne veda. Ricordo anche un senso di abbandono maggiore, però. Ricordo segni più evidenti di un passato che la ricostruzione degli anni Sessanta aveva stentato a cancellare: ruderi di palazzi e caseggiati, chiese chiuse e abbandonate. Non molto si è fatto in questi anni nelle città del sud per cancellare i segni del novecento e delle guerre, ma quel poco lo si è fatto tutto in funzione dell’immagine. E così, i centri grandi come le periferie più desolate recano tracce di un abbandono da sovrappiù, residui e spazzature da ricchi. Ma l’atteggiamento, i comportamenti, il senso di rinuncia, l’assenza di volontà nel costruire: queste cose, non sono mutate. E, peggio ancora, c’è la perdita di ogni memoria e significato del proprio passato. Perché del passato c’è sempre da vergognarsi e il Sud passa il suo tempo a pavoneggiarsi di origini e nobiltà che non ha mai compreso o a cancellare con rabbia una tradizione che si ritiene castrante e fastidiosa. In questo modo, niente viene mai prodotto di nuovo ma ogni cosa vecchia è lucidata e verniciata nel teatrino del Meridione.
I volti, la genetica dei luoghi, non cambiano. E questo è ciò che mi sconcerta e mi spaventa di più, l’assoluta volontà di restare fermi nell’autocompiacimento o nella lamentazione che il Sud esprime: i volti che conoscevo, sono i volti dei quadri del Seicento, sono i volti di chi c’era nel Trecento.
La forma del pastore, del plebeo, del visconte, non è cambiata. Si rivestono solo dei nuovi abiti: del funzionario, dello specialista di marketing, del piccolo commerciante, dell’assessore, del mariuolo.
Tolti i peletti, fatto il piercing, schiariti i capelli, messa la vita bassa, andati in palestra, i giovani del Sud non riescono, nonostante tutto, a perdere le loro fisionomie. E’ più forte di loro. Che ci piaccia o no, bisogna confrontarci con ciò che siamo, con ciò che sono stati i nostri genitori, i nostri nonni, i nostri avi.
CONSOLO: Sono uno scrittore dell’emigrazione meridionale, e specificatamente siciliana, al Nord del Paese, a Milano. Quest’emigrazione (di lusso) è contemporanea e speculare a quella (di miseria) dei contadini, dei braccianti: inizia alla fine dell’Ottocento, con Verga, e dura fino alla mia generazione e oltre. Dunque, scrivo da lontano, sulla piattaforma delle letture e sul filo della memoria (“…da lontano in questo genere di lavori l’ottica qualche volta, quasi sempre, è più efficace ed artistica, se non più giusta…” scriveva Verga al suo confrère Capuana). Epperò poi ho bisogno di verificare: di tornare e percorrere le strade del luogo del racconto, vedere il paesaggio, i volti della gente, sentire le parole, i suoni… Ma sono possibili ancora queste incursioni, queste ricognizioni? Forse sì, scavando e scavando, con fatica, con dolore, perché tutto è ormai maledettamente cambiato nel Sud, nei volti, nel paesaggio, nella lingua… E’ nostalgia la mia d’un passato d’arretratezza, di pena, di marginalità? Non credo. E’ inaccettabilità di uno sviluppo cieco, caotico, selvaggio. Sviluppo senza progresso, come diceva Pasolini. E oggi, nel nostro Sud, lo scenario è di desolazione, di smarrimento, di alienazione, di violenza, di morte.
FRANCHINI: Non credo che sia compito principale di uno scrittore capire che cosa è cambiato. Se qualcuno lo sa dire, tanto meglio. Ma ciò che a uno scrittore soprattutto si chiede è per l’appunto guardarsi intorno, ricordare i volti della famiglia, le strade che ha percorso da ragazzo etc. In genere, lo scrittore dura di più dello storico proprio perché si limita a guardare. Se dico che i ragazzi di Napoli o di Cosenza oggi sono cambiati perché non è più così facile distinguerli dai ragazzi di Dortmund, di Glasgow o di Cincinnati, dico una banalità. Se faccio capire la stessa cosa attraverso un racconto sono uno scrittore.
LA CAPRIA: Nel mio libro Capri e non più Capri dico quello che è stato il cambiamento principale nella società meridionale a cavallo tra il primo ed il secondo dopoguerra. Prima della guerra il cielo, l’aria e la terra, la Natura diciamo, nonostante il meridione (e non solo il meridione) abbia subito devastazioni, incendi, saccheggi invasioni, ed altro, è sempre stata quella che è stata per millenni. Dopo la guerra, nella seconda parte della mia vita, il cielo e l’aria non sono stati più gli stessi, perché la Storia ha vinto sulla Natura. Io e la mia generazione ci siamo trovati con il piede in un’epoca e con l’altro in un altro, assistendo ad un cambiamento più che millenario
Poi naturalmente vi sono stati i cambiamenti anche nelle persone. Le persone prima del consumismo hanno vissuto in un modo, dopo il consumismo in un altro modo, anche di questo noi abbiamo la percezioni ma le nuove generazioni no, ma questo è un discorso troppo complesso e lungo, ed esula da questa domanda.
MONTESANO: Sono un materialista, come tutti gli scrittori: e quindi non posso fare a meno di lavorare con pezzetti di memoria e di realtà. Tutto è cambiato radicalmente negli ultimi 15 anni, al punto che senza un grande sforzo di immaginazione-memoria è addirittura difficile accorgersene. Ma ciò che può essere triste personalmente, per chi scrive è semplicemente quello che è: il presente, l’oggi, la vita che ci trasforma e cerchiamo di trasformare.
PASCALE: Vede l’errore è questo, dire: cosa è cambiato nei volti della gente del sud. Io non lo so cosa è il sud, quante persone ospita, quanto è cambiato nel suo insieme. Io sono competente a mala pena su me stesso. Allora, se questo è il punto di partenza le dirò. Il mio quartiere è cambiato, è più elegante. Peggio o meglio? Va distinto caso per caso. Per questo si dovrebbero scrivere i libri, per indagare caso per caso, e non per fare statistica.
REA: Parlare di Sud in generale non è facile, almeno per me: si tratta di un’entità troppo vasta e composita per essere racchiusa in un unico sguardo. Preferisco limitare il discorso a Napoli. E se la domanda è che cosa è cambiato in quella città e nei volti delle persone, sono tentato di rispondere: tutto. La sua domanda mi fa venire a mente un’antica e bella espressione popolare: “purezza di cuore”. Napoli era una città pura di cuore; anche le cosiddette belve, la gente dei peggiori bassifondi, i più cinici e depravati erano in un certo senso “puri di cuore”. Lo erano a loro insaputa. O se si preferisce, malgrado se stessi. Erano così perché il mondo che si rifletteva nei loro occhi non era ancora dominato dalla disumanizzazione tecnologica, dalla devastazione ambientale, dai miti della velocità, dello spreco, della sovrabbondanza, dell’omologazione, della serialità. Oggi, sul volto dei napoletani, io leggo soprattutto tristezza, ansia, paura, aggressività, ingordigia, stordimento. E nostalgia. Di che specie? Mah, penso a tante cose… per esempio alla radiosa bellezza di uno dei golfi più celebrati del mondo che loro – noi – abbiamo consapevolmente massacrato.
SANTANGELO: Quando scrivo, in verità, non penso in modo diretto a tutto ciò. E questo forse perché la mia scrittura non è così direttamente legata alla mia identità siciliana, non lavora sulla riconoscibilità di luoghi e situazioni. Ma quando vivo la mia quotidiana esistenza nell’isola o rifletto su quel che è accaduto in questi anni, dopo l’entusiasmo e la rabbia della cosiddetta Primavera siciliana, quel che mi inquieta di più è proprio vedere come questa terra finisca sempre e puntualmente per abbassare il capo e saltare sul carro di chi vuol tenerla al riparo da ogni radicale e coraggioso cambiamento.

2. La “questione meridionale” non è più presente nell’agenda del nostro governo, nei mass-media, nel dibattito politico, è una questione risolta?

ALAJMO: Ma per favore…
CACOPARDO: Ma quando mai. La questione meridionale è uscita dalle agenda del governo Berlusconi, perché non la si vuole affrontare. Fa comodo il meridione serbatoio di braccia in concorrenza spietata con gli extracomunitari
CILENTO: E’ evidente che niente è stato risolto al Sud, ma tutto è stato solo ricoperto da chiacchiere e denari, piovuti per eterne emergenze ad alimentare la deformazione della giustizia locale e la delinquenza. La questione, ora, non potrebbe certo essere posta come un tempo: è un problema di consistenza sociale e non certo di interventi da compiere. Bisognerebbe cambiare la consapevolezza civile di chi abita il Sud. E bisognerebbe smettere di approfittare di questo complesso sistema di connivenze che alimenta il tessuto meridionale. Al governo starebbe il compito di invitare all’impresa e all’organizzazione. Ma è un serpente che si morde la coda: lo Stato siamo noi, il governo è da noi eletto. E il Sud, evidentemente, elegge chi rappresenta un modo di gestire le politiche del Sud in maniera consona a vecchi interessi.
CONSOLO: No, è stata seppellita. E i becchini a servizio dell’imprenditoria mortuaria del Nord, dei costruttori di bare di metallo con motore e copertoni, di chimiche mortifere, di armi, di mine antiuomo…, sono stati i nostri politici, la nostra ignobile classe dirigente (o classe digerente, come diceva Sciascia). Nessuno più conosce e pronuncia i nomi di Gramsci, Salvemini, Fortunato, Colajanni, Dorso, Villari, Tommaso Fiore, Carlo Levi o Danilo Dolci. Si sente solo la voce metallica dei berluscones che scandisce slogan pubblicitari; la voce gutturale e barbarica dei bossiones che abbaia, vomita demenze xenofobe e minacce fascistiche; la voce ipocrita, curiale e suadente dei finiones che vuole nascondere il loro nero trucido passato.
FRANCHINI: Non so rispondere
MONTESANO: È solo diventata talmente catastrofica, disgregata, mostruosa, dolorosa, e irrisolvibile che proprio per questo è sceso su di essa il silenzio.
LA CAPRIA: La questione meridionale è entrata nell’ambito europeo, è entrata in un mondo prismatico, con infinità d’aspettative e soluzioni. La soluzione oggi più che in passato può venire dall’Europa o dal Mediterraneo.
PASCALE: Questo è un problema un po’ troppo complesso per affrontarlo in due battute.
REA: L’espressione “questione meridionale” nasce con l’unità d’Italia e ha senso, credo, fino all’ultimo dopoguerra, diciamo fino alle emigrazioni “bibliche” degli anni Cinquanta-Sessanta in seguito alle quali l’Italia cambiò radicalmente volto. Fu da lì in poi che i più avvertiti cominciarono a capire che la “questione meridionale” aveva cambiato pelle, caratterizzandosi sempre più come “questione coloniale”, nel senso che l’intero Mezzogiorno era stato messo al servizio delle necessità strategiche e politiche della guerra fredda, incarnate dalla presenza del grande Comando interalleato del Sud-Europa a Bagnoli.
Il mancato sviluppo dell’Italia meridionale, a parer mio, fu in gran parte conseguenza di questo stato di cose (non si dimentichi che il porto di Napoli fu per decenni occupato da unità nucleari e altrettanto dicasi dell’aeroporto, che la mafia fu lasciata prosperare come strumento di controllo del territorio, che il malaffare fu praticato alla luce del sole fino a diventare normale procedura di governo, e via di questo passo come si conviene, appunto, a un territorio “coloniale”).
Il punto d’approdo di questo perverso processo è oggi un’illegalità diffusa. Ne è corrosa tutta l’Italia ma in particolare il Mezzogiorno e segnatamente Napoli. Se a Napoli, anzi in tutto il Sud, fosse possibile con un colpo di bacchetta magica liberarsi di ogni forma di illegalità, non dico che quelle terre si trasformerebbero d’incanto in un Eden ma di certo sviluppo e benessere diventerebbero traguardi a portata di mano.

SANTANGELO: Assolutamente no. Il Sud continua ad avere un tasso di disoccupazione, di lavoro nero, di sottosviluppo altissimo. Continua cioè a vivere in una condizione di marginalità acuita semmai dalla noncuranza o peggio dall’attenzione “interessata” di cui oggi più che mai è oggetto. E cosa ancor più grave, vede ricomparire fantasmi di una sottocultura – circa il senso dello Stato, il rispetto dei beni naturali e architettonici, l’esercizio del più elementari dei diritti come il voto –, che sembrano affiorare direttamente da un passato in cui il bisogno e l’interesse privato dettava scelte, comportamenti, un senso diffuso di rassegnazione o un qualunquismo ancora più avvilente.

3. Trova invece che essa sia adeguatamente rappresentata nella nostra letteratura contemporanea?

ALAJMO: La letteratura si è sempre nutrita di guerre, pestilenze, eruzioni, terremoti, assassinii e sciagure in genere. Fare lo scrittore è un mestiere parassitario che al sud difficilmente rimarrà mai privo di ispirazione.
CACOPARDO: Credo di no. Negli ultimi tempi la questione meridionale è stata accantonata dalla letteratura, altre cose premevano di più della condizione differenziale e subalterna del Sud.
CILENTO: Gli scrittori del Sud parlano molto del Sud. Cercano di farlo ognuno a proprio modo. Forse le cose più forti scritte in questi ultimi anni vengono dagli estremi geografici del paese, dal Sud, dal Nord Est. Dove ci sono urgenze sociali, c’è sempre anche una letteratura che la racconta, in ogni paese del mondo. Non è una novità.
CONSOLO: Pochi, pochi scrittori ci dicono oggi della tragedia del Sud. Soltanto Giuseppe Montesano mi sembra il più autentico, il più bravo.
FRANCHINI: Questo sì. Oggi la letteratura del sud è ricchissima. Ma proprio la letteratura del Sud del mondo, non solo quella del sud dell’Italia.
LA CAPRIA: Ogni scrittore si porta dentro la propria memoria immaginativa, che non è fatta di episodi ed eventi ma di lampi, ricordi, sensazioni e appunto immagini. Ogn’uno avrà in rapporto alla propria sensibilità ed ai luoghi della propria vita, immagini che hanno segnato un tessuto di vita ed esperienze, e sono gli spiragli attraverso cui egli è “uscito al mondo”. Penso a cose semplici, i sapori delle cose che si mangiano da bambino, certe voci, anche lo stesso mare dove hai fatto il bagno, tutto e non solo il dialetto fa parte della nostra identità primaria, che ci caratterizza e ci fa essere quelli che siamo. La cosa più importante è poi aprire nella scrittura quest’identità agli altri, non avere paura solo di difenderla, e sentirla minacciata.
MONTESANO: Se si intende dire che oggi ci sono molti scrittori meridionali che raccontano di cose meridionali, allora sì: ma siamo sicuri che questo sia affrontare la “questione meridionale”? Meditazioni teoriche ci sono, così come ci sono analisi specifiche sul territorio: dai libri di Cassano e dalla rivista Meridiana, passando per i libri sul Sud dell’Ancora del Mediterraneo e arrivando a piccole case editrici come la pugliese Palomar. Ma mai come nel caso degli scritti sul Sud attuale mi sembra valida la frase di un filosofo: si interpreta il mondo perché non si riesce a cambiarlo.
PASCALE: No, si tende a rappresentare realtà che hanno già un immaginario forte. Non si va mai nelle singole e precise realtà, perché queste ultime richiedono competenza e esperienza diretta. Che ne sappiamo noi di Pescara (che è pure sud), dei paesi del Molise, io di Enna che ne so. Però di Napoli, so tutto, pure di Palermo. Vede, funziona un meccanismo massimalistico, di comodo, una città campione parla per tutte. Anche se negli ultimi anni le cose stanno fortunatamente cambiando, e pur vero che questi casi isolati non formano un pensiero di riferimento.
REA: Più no che sì. In generale grandi affreschi non ce ne sono stati. Quella che è mancata è proprio una letteratura del cambiamento, capace di cogliere la trama di passaggi attraverso i quali una società come per esempio quella napoletana ha visto trasformarsi sotto i propri occhi la vecchia “questione meridionale” in “questione coloniale”, in illegalità diffusa e obbligatoria (quella sorta di illegalità legalizzata di cui parla Dante a proposito di Didone che “libito fé licito in sua legge/per torre il biasmo in che s’era condotta”).
SANTANGELO: Ho l’impressione che oggi la Sicilia riesca a esprimere, almeno in letteratura, una pluralità di voci e sensibilità che danno la misura della ricchezza culturale di questa terra, senza dovere necessariamente essere condannata a una letteratura di epigoni, di modesti imitatori di Tomasi di Lampedusa, di Sciascia… o, ancor peggio, a fare della sicilianità o dell’isolanità di per sé un valore.

4. Pensa che scrivere la storia del Sud di questi anni possa essere il suo compito, e in qualche modo ciò che i lettori si aspettano da lei?

ALAJMO: Credo di sì. Credo, precisamente, che mio compito sia fare l’analisi del sangue e determinare la malattia. Trovare la cura no. Trovare la cura è un compito troppo grande per la letteratura.
CACOPARDO: Non penso di avere questo compito specifico e da solo. Esploro vicende nazionali, scandali e malaffare, e mi occupo nei romanzi storici delle radici del fenomeno mafioso. Racconto storie nazionali che riguardano anche il Sud. Forse si tratta di metastoria e mi piacerebbe che fosse considerata così la mia scrittura.
CILENTO: Gli scrittori non scrivono la storia, però certo la testimoniano attraverso prospettive e angoli che gli storici trascurano. Si comprende di un’epoca molto più da alcuni libri che da mille saggi. Ma darsi questo compito è difficile. C’è una tendenza all’autoreferenzialità, alla scrittura del privato oggi, in Italia, che rende le cose assai più complesse. Ovviamente, è la testimonianza del cedere di una coscienza pubblica, quindi è comunque valida testimonianza di una realtà storica che non si può negare. Di sicuro, il Sud continua una sua tradizione nel mostrare, invece, un sociale fastidioso e insostenibile. Tutti gli scrittori che vengono da Sud, prima o poi, si occupano di scritture, per così dire, “civili” e i nomi da fare sono molti: Franchini, Pascale, Romano, Arminio, Montesano, Alajmo… Ma cito, così, a caso. Ce ne sono molti altri e farei torto a dimenticarli. Anche a me è appena capitato di occuparmi di Napoli e del suo assurdo modo di concepire il fare cultura in “Non è il Paradiso”, che Sironi sta per pubblicare, dove cerco di raccontare in forma ironica, parodistica, la mia esperienza faticosissima di operatore culturale nella mia città e le modalità napoletane di non-pensare all’industria culturale, una specificità nel Sud, ma pur sempre una realtà considerata come riferimento e modello, per certi versi.
CONSOLO: Scrivere del Sud non è il mio compito, ma è la mia necessità, se volete, il mio assillo. Vivo al Nord (dico per dire:sono ormai un eterno errante, un infaticabile pendolare), ma scrivo sempre del Sud. Che altro posso fare se non dire della Sicilia, di fare di essa metafora? Non so cosa si aspettano i lettori da me. So che oggi per un autore è difficile individuare il suo lettore, il suo interlocutore. In questa nostra civiltà di massa, in questo nostro mondo mediatico so che si è rotto il rapporto tra il testo letterario e il contesto situazionale. So che i lettori, in massima parte, sono ormai quelli condizionati o allucinati dal messaggio televisivo. Tutto viene dalla televisione e tutto nella televisione si riduce.
FRANCHINI: No, sia perché vivo al nord da più di vent’anni e sia perché sono un autore talmente poco letto che i lettori, grazie a dio, non si aspettano niente da me. Tutte le volte che ho scritto del sud è perché mi sono limitato ad assecondare l’istinto.
LA CAPRIA: Non è un obbligo. Una volta, al tempo dell’impegno si diceva che la letteratura doveva parlare della società e dei problemi dell’oggi, ma in realtà, non c’è bisogno che lo scrittore dichiari esplicitamente di parlare della società. Anche in libri d’invenzione, o astratti, se è uno scrittore – cioè aperto al mondo – lo farà implicitamente. Per esempio Henry Miller che lo fa parlando ossessivamente di sesso, ma racconta tutto sommato l’Europa e in particolare la Parigi degli anni trenta. Lui lo fa parlando di sesso, e c’è chi lo fa parlando di qualcos’altro.
MONTESANO: Il compito di uno scrittore è andare fino in fondo alle proprie possibilità, con i mezzi che possiede e dentro la situazione data.
PASCALE: No, adesso abito a Roma
REA: Francamente non credo che scrivere la storia del Sud di questi anni sia compito mio. Per il semplice fatto che la cosa non rientra tra le mie capacità e le mie ambizioni. Naturalmente capisco in che senso mi viene formulata la domanda, e anche in quei limiti strettamente letterari ritengo di dover rispondere di no. Il che non vuole dire che io non abbia tentato di rappresentare momenti di quella profonda mutazione di cui parlavo poc’anzi a proposito della società napoletana e meridionale in genere. Almeno due libri – “Mistero napoletano” e “La dismissione” – lo testimoniano. Ma non credo che bastino a fare di me l’esponente di una tendenza, un portabandiera. Tutto sommato, al di là delle apparenze, si tratta di libri fortemente passionali, non so quanto indiscutibili sotto il profilo della cosiddetta “verità storica”. Che poi i miei lettori più assidui si aspettino da me altre prove dello stesso genere, segnate da un forte impegno civile, questo è più che probabile. Anzi posso tranquillamente confermarlo, data la natura delle lettere che di tanto in tanto ricevo. Devo ammettere però che questo tipo di aspettativa, mentre da una parte mi lusinga e inorgoglisce, dall’altra mi comunica un po’ di angoscia, inducendomi a sospettare di me stesso e della mia vocazione a essere una persona totalmente libera, incapace di soggiacere a qualunque condizionamento, corrività e opportunismo. Scrupoli a parte, posso comunque anticipare sin d’ora che il mio prossimo libro, se riuscirò a dedicarmici con l’ardore consueto, sarà ancora una volta ambientato a Napoli e, come i precedenti, sarà un’opera di scavo, di scandaglio, di ricostruzione di una storia soltanto apparentemente personale, in realtà collettiva quanto può esserlo una vicenda che si ramifica all’interno di un intero quartiere, fra l’altro tra i più sgangherati e dolenti della città.
SANTANGELO: Penso che i lettori, soprattutto i lettori siciliani, tendono a riconoscere più facilmente come propria una letteratura “siciliana” nei temi, nelle problematiche, negli echi letterari, ma ritengo anche che non sia questo, o solo questo, il compito di chi scrive, ma semmai amplificare il sentimento della vita, della propria contemporaneità frequentando anche, con la propria scrittura, luoghi e situazioni che portano altrove. Non è sempre detto che muoversi entro i confini riconoscibili e “notificati” della propria terra permetta un’intelligenza più acuta della condizione contemporanea. Oggi, ad esempio, dal nostro mare non arrivano più i conquistatori che nei secoli hanno dominato l’isola, ma frotte di disperati che portano con sé pezzi di altri mondi con cui, volenti o nolenti, bisogna fare i conti, e non in modo puramente autoreferenziale.

5. Cosa deve fare uno scrittore che voglia uscire dal proprio personale orizzonte di riferimento autobiografico per cercare di raccontare il proprio tempo, con uno sguardo politico, sociale, economico, rappresentando la problematicità e le contraddizioni di un territorio sempre più complesso?

ALAJMO: Credo che la migliore e più sintetica risposta a questa domanda l’abbia data Pessoa: fingere di provare sentimenti che si provano veramente. E non chiudersi mai in casa. Tenere porte e finestre aperte. Anzi: uscire di casa e camminare a lungo, passeggiando a piedi e facendo prendere aria alle idee.
CACOPARDO: Guardare ai giorni in cui viviamo. All’affarismo, al dominio del denaro e alla corruzione delle coscienze. Al decadimento del senso democratico all’ingaglioffimento di politici e cittadini. Non a Bini e Cossi ma a Vasavasa e a Berlusconi, chiamando le cose con il loro nome e cognome senza paure.
CILENTO: Sentire. Non c’è altro da fare. Sentire, esistere. Lo scrittore esiste in un contesto, non esiste per la sua anima bella. Se si cammina per strada, si vive, ci si relazione con gli altri, non si rimane chiusi in casa davanti allo schermo del pc, prima o poi la realtà arriva e dà urti. E’ inevitabile raccontare la propria esperienza e portarla agli altri. La complessità del Sud, le contraddizioni, i suoi mali, tutte queste belle parole che i giornali ripetono, sono un fatto concreto, sono le modalità con cui ci relazioniamo io e il mio fruttivendolo, un’associazione culturale e una biblioteca, un taxista e i suoi clienti, la gente comune e gli autobus. Sono i modi di dire che diventano non più colore dialettale ma stile di esistenza, resistenza dell’interesse privato, chiusura alla condivisione. Personalmente, ho cercato di raccontarlo nel libro di Sironi: una parentesi nel mio percorso di scrittura o forse una nuova strada, di certo un’esigenza che sta toccando, in scala e modalità differenti, tutti gli scrittori meridionali.
CONSOLO: Cosa deve fare ? Leggere, leggere e leggere. Partire dai sacri e imprescindibili testi della letteratura universale, dai sacri testi della nostra letteratura. Partire anche dalla storia, dalla sociologia, dalla politica…E guardare, osservare il mondo in cui si è trovato a vivere per cercare di capire. Capire per poi esprimere. Ma i giovani scrittori oggi mi sembrano impazienti, ansiosi di raggiungere rapidamente e in ogni modo facili e falsi approdi.
FRANCHINI: Anche qui. Credo che uno scrittore non debba porsi l’obiettivo di uscire dal proprio personale orizzonte. Ci deve riuscire naturalmente, portato dall’opera, dall’urgenza che ha di raccontare, non dalla volontà. Ci si affida alla volontà a scuola, per scrivere un accettabile tema in classe.
LA CAPRIA: Essere se stesso, raccolto in se stesso, ma ogni tanto affacciarsi alla finestra del proprio studio e sentire il rumore del mondo. E poi malgrado lui stesso, anzi direi più inconsapevole ciò avviene, meglio si riesce a raccontare il mondo che è fuori dalla finestra. La vera arte non deve mostrare lo sforzo, né quello verso il sociale né quello verso la politica, tutto deve essere assorbito dall’opera e come ho detto, implicito.
MONTESANO: Prima di tutto esercitare la curiosità, intesa come attrazione per tutto ciò che è diverso da lui, incomprensibile, enigmatico, oscuro. Si tratta di evitare sia il compiacimento, sia l’eccessivo distacco, andando contro il pensiero che dice: tutto è sempre uguale, niente di nuovo sotto il sole, il tempo non esiste. Invece il tempo e la Storia esistono e sono esattamente ciò di cui uno scrittore che lo voglia o no, è obbligato a nutrirsi. Non è detto che sia un nutrimento piacevole, certo: ma quando mai la conoscenza è stata una cosa piacevole.
PASCALE: Deve guardarsi attentamente l’ombelico. Cioè mettere a confronto con onestà, sincerità, e con travaglio, le sue motivazioni personali e le conseguenze di queste motivazioni sul mondo intorno. Le volte che siamo vittime del mondo e le volte che, di questo mondo, siamo i carnefici.
REA: Ogni scrittore sa quel che deve fare per cercare di raccontare tutto questo. Per lo meno lo sa ogni vero scrittore. Non vi sono regole, tranne una, fondamentale: guardare dentro di sé, in profondità, consapevoli che il viaggio che si sta per intraprendere non riguarda altri – i personaggi della nostra fantasia assolutamente docili nelle nostre mani – ma riguarda prima di tutto noi stessi, noi con le nostre inquietudini, i nostri fantasmi, i nostri rammarichi, le nostre nostalgie, i nostri dubbi. Il tempo che viviamo – costume, abitudini, tic, pulsioni, conflitti, odi – è dentro di noi; la realtà che ci circonda sta dentro di noi e ha la forma dei nostri variegati sentimenti: rabbia, dissenso, rimpianto, passione… Un libro, per quel che ne so, è tanto più efficace e convincente quanto più riesce a rispecchiare una tensione profonda dell’autore, un suo irrimediabile cruccio. Lei sembra chiedermi un consiglio, ma io non so come si fa. Al più posso dire come faccio io. La mia ricetta è semplice: tutto comincia intorno a un rovello, a un pensiero o sentimento che si fa ossessivo fino a raggiungere la mia immaginazione, a scuoterla, a spronarla. Pian piano, nella mia testa, l’ossessione si trasforma allora in personaggio, storia, intreccio. Ovviamente si tratta ancora di materia opinabile, di pura congettura, fantasticheria. Bene. Arrivato a questo punto io parto. Proprio così: faccio la valigia e me ne vado. Dove? Dove so che la mia storia, il mio intreccio, il mio personaggio esistono veramente e, per così dire, mi aspettano.
SANTANGELO: Non sentirsi un’isola, appunto. Il mondo, oggi più mai, non tollera confini. Bisogna che ci si inventi un linguaggio e uno sguardo il più possibile libero da stereotipi culturali o letterari. Bisogna che ci si metta lì ad auscultare il proprio tempo o, come dice Canetti, a fiutare come cani negli angoli.

6. Qual è il suo rapporto con le forme dialettali ancora così diffuse nel nostro Sud? Le considera una ricchezza linguistica, un patrimonio dal quale attingere?

ALAJMO: Sì. A patto di non abusarne.
CILENTO:Una ricchezza infinita, il tessuto del nostro pensiero, una fonte d’invenzione continua. Quando ho dovuto inventare per “Una lunga notte” una lingua seicentesca ho usato calchi dal dialetto e invenzioni linguistiche a partire dal mio dialetto casalingo a non finire. In “Non è il Paradiso”, invece, considero il dialetto nei suoi aspetti usurati e abitudinari, che degradano il pensiero e rappresentano l’assenza di crescita della città. Il dialetto è la nostra parola infantile e come tale si presta a ogni balbettio della fantasia. E’ la lingua della verità o delle apparenze, dipende da come la si usa. Difficile usare il dialetto per esercitare un potere. Di sicuro, però, il napoletano è un dialetto che si difende: che difende un’appartenenza, un orgoglio, una cordialità che sa come richiudersi. Un dialetto bello, perché è estetico, ma che può anche essere molto, molto povero
CONSOLO: Oh, quello della lingua è un problema antico quanto la nostra letteratura italiana. Saggi e saggi sono stati scritti sul registro linguistico che ogni volta un autore è costretto a scegliere per esprimersi. Da Dante, a Castelvetro, ad Annibal Caro, a Foscolo, a Leopardi, a Manzoni, a De Amicis, a Pasolini… (per citare solo alcuni dei poeti e dei narratori che sulla lingua italiana hanno scritto). Il rapporto di un autore con il dialetto è spesso ambiguo, rischioso. Può essere , quella dialettale, una scelta regressiva (soprattutto nel Sud), una imitazione o riproduzione delle regressioni dialettali dei contesti teatrali e televisivi (il macchiettismo folclorico dei comici). E’ quel dialetto una corruzione della lingua italiana. E’ esistita da sempre invece una scelta linguistica che è tutt’altro che regressiva, è la scelta espressiva o sperimentale (da Le roman expérimental di Zola) che parte dalle radici profonde della lingua (delle lingue) per approdare al codice centrale, alla lingua di comunicazione. A questa linea io appartengo, a quella vale a dire che parte da Verga (dal suo italiano “irradiato di dialettalità”) e arriva giù giù fino al polifonico Gadda, Mastronardi, a Meneghello, a Pasolini, a D’Arrigo…
CACOPARDO: Una grande ricchezza alla quale attingo prima di tutto mentalmente, ma anche nella scrittura. Serve a contestualizzare una vicenda, una persona, un carattere, una situazione.
FRANCHINI: Le considero come considero quasi tutto, un’opportunità e un limite. Dipende da come uno le usa.
LA CAPRIA: Il dialetto è la terra da cui la lingua prende i suoi succhi. Il dialetto è qualche cosa che arricchisce la lingua, perché è di un luogo ed ogni luogo contribuisce a dare un apporto alla lingua nazionale. Adesso solo con la Tv si è creato un italiano, medio, comune, ma grigio e di base. Prima se dovevi far parlare un operaio in un romanzo più o meno naturalista, dovevi distinguere un operaio piemontese da uno siciliano che parlava in modo completamente diverso. Lo stesso operaio oggi, si è imborghesito e si è adeguato al consumismo, cosicché che anche la lingua ha subito un processo analogo di omologazione. Solo l’artista ha il compito di renderla viva ed espressiva.
MONTESANO: Ovviamente sì: la strana poesia contenuta nel dialetto, la sua prossimità a tutto ciò che è corporale, sono certamente affascinanti. Ma non è detto che l’italiano non possa succhiare energia al dialetto, trasformandosi e arricchendosi.
PASCALE: Io spesso penso in dialetto, dunque sono portato a usarlo. Ma anche questa è questione complessa. Il dialetto casertano è diverso da quello napoletano, cambia anche nei quartieri napoletani. Anche qui è questione di particolarità e competenza. Sono invece più scettico sull’uso pregiudiziale del dialetto: ossia come forzata ricerca linguistica, contaminazione ecc. Spesso il dialetto usato in questo modo mi sembra un omaggio alla teoria e non alla pratica.
REA: I dialetti oggi sono archeologia, perché il mondo si evolve verso l’omologazione: ciascuno aspira a essere uguale all’altro, anche sotto il profilo linguistico. Ciò non toglie che quando si scrive un libro la lingua diventa strumento di rappresentazione della realtà e oggi, un po’ dappertutto, il dialetto ha ancora un peso rilevante. Personalmente non ho un rapporto di particolare frequentazione con le forme dialettali: soprattutto a Napoli il dialetto in letteratura è stato sempre usato in forma caricaturale e folkloristica, per accreditare le peggiori cartoline della città, per celebrare pseudo valori a cominciare dalla qualunquistica e furbesca bonomia di Pulcinella. Detto questo, non escludo affatto l’uso ancora oggi di forme dialettali in letteratura, purché fortemente motivate.
SANTANGELO: La diversità anche linguistica è certamente una ricchezza. Ogni lingua, ogni dialetto porta con sé sguardi e sentimenti del mondo differenti. L’importante è che non diventi un carcere, il segno di un’identità coatta e provinciale, come vuole il mediocre federalismo che infesta oggi l’Italia. Io, per quel che mi riguarda, uso poco il dialetto, ma questo, ripeto, credo sia dovuto alla natura della narrativa che ho espresso almeno fino a oggi. Non è una scelta, dunque, pregiudiziale.

7. Esiste oggi una classe intellettuale meridionale, e quali valori, idee o logiche incarna? Ha una reale influenza sulla società civile, sui fenomeni politici ed economici?

ALAJMO: Esiste, ma è come il mediterraneo, dove la civiltà sedimentata non è una, ma sono molte, sovrapposte e certe volte contrastanti. Le traiettorie di ognuno sono diverse. A volte parallele, spesso divergenti. Credo che comunque le possibilità di incidere sulla realtà siano minime. Non per questo tuttavia bisogna smettere di provarci.
CILENTO: Se la classe intellettuale meridionale è rappresentata dai nostri politici e assessori esprimo solo il desiderio che battendo tre volte le scarpette rosse essa si dilegui o si sciolga come neve al sole. Ciò che vedo è penoso, ma di sicuro esprime, purtroppo, con esatta realtà la società civile che la elegge.
Non mi va di scaricare colpe su qualcuno, credo nella responsabilità individuale. Ci vorrebbe un bell’esame di coscienza, una bella psicoterapia collettiva, visto che mandiamo a governarci ladri, ladri ricchi e ladri che si arricchiscono, camorristi, finti democratici e neo fascisti.
CONSOLO: Esiste, e come, una classe intellettuale meridionale che incarna i valori di sempre della civiltà, vale a dire dell’etica, dell’equità sociale, del rispetto delle regole del vivere, delle leggi dello stato democratico…Questa classe ha avuto ed ha ancora i suoi eroi, i suoi martiri. Penso ai magistrati, ai politici, ai giornalisti massacrati dalla mafia e dalla camorra. Ma, ahimè, questi intellettuali di oggi non hanno più, in questa nostra società frastornata, alienata, ascolto come prima: dal tempo dei Pasolini e degli Sciascia sembra che sia passato un secolo. Oggi imperversano ed hanno ascolto, sui giornali, alla televisione, i “portaparola” e i “portagesti” del potere, i famosi Cocò o paglietta, di cui diceva Salvemini, i famosi avvocaticchi che oggi siedono in Parlamento.
CACOPARDO: Dispersa, colpita da un senso di sconfitta ineluttabile, ma esiste. Basterà poco per rivitalizzarla e condurla di nuovo sul proscenio per collaborare al recupero di valori resistenziali e democratici. La sua influenza nel ‘civile’ mondo dedito al denaro è modesta. Ma c’è tanta parte della popolazione che dal denaro è esclusa e nel denaro non crede. Questa parte della gente è il riferimento strutturale del mondo della cultura.
FRANCHINI: Vivo al nord da troppi anni. Ho molti rapporti con molti intellettuali del sud, ma non riesco a generalizzare.
MONTESANO: Esiste, ma è una sorta di proletariato intellettuale disparato e disperato, e la sua influenza sulla realtà è sostanzialmente prossima allo zero.
LA CAPRIA: C’è sempre stata una classe intellettuale al Sud, con una forte tradizione culturale. Oggi questi intellettuali dovrebbero fare uno sforzo maggiore per uscire dalla loro autoreferenzialità.
PASCALE: Una classe intellettuale che si rispetti è una classe che non solo ha praticato un tormentato esame di coscienza a partire da se stessa, ma sia stata anche capace di accorgersi di quanto accadeva fuori dal proprio mondo. Se la domanda è: che influenza questa classe ha avuto su di me, in quanto persona del sud, devo rispondere che ne ha avuto, ma me ne sono accorto da poco. Mi sono accorto di quante persone serie il sud avesse nelle sue file e di quanto forte fosse la mia distrazione verso di loro: Rossi Doria, Salvemini, La Capria, Galasso ecc
REA: Esistono intellettuali, ma non so se si possa parlare di “classe intellettuale” nel senso di gruppo più o meno omogeneo di pressione e di orientamento. Vi sono intellettuali dissidenti e intellettuali conformisti, intellettuali famelici e intellettuali appartati e dediti severamente al proprio lavoro. Naturalmente i furbi e i conformisti sono quelli più visibili, quasi sempre in vetrina. Comunque escludo che riescano a esercitare una qualunque influenza sulla società civile, buoni o cattivi maestri che siano.
SANTANGELO: Non parlerei di “una classe” intellettuale. Non ci sono cenacoli o gruppi coesi di intellettuali che lavorano insieme a un progetto culturale. Ci sono singoli intellettuali che credo stiano riscoprendo il senso dell’impegno, un impegno che non coincide direttamente con un progetto politico, ma con una forma piuttosto di resistenza, resistenza al pressappochismo sempre più spacciato per vivacità intellettuale, alla dittatura della cultura di massa propinata come espressione di cultura democratica. E c’è anche un bisogno sempre più diffuso di portare la letteratura non a livello di una presunta “semplicità” della gente, ma “tra” la gente per fare sentire tutta la vertigine, la sfida, la demistificazione di cui si nutre anche il gesto di scrivere, e per moltiplicare il numero di lettori consapevoli. D’altro canto, anche per capire il proprio tempo bisogna imparare a leggere ciò che si nasconde nella trama degli accadimenti, no?

8. Qual è stata (se c’è stata), e come giudica la politica culturale per il Sud degli ultimi governi, prima quelli del centro-sinistra e poi l’attuale, quello di Berlusconi?

ALAJMO: Assistenzialistica e opportunisticamente maldestra. Ti danno la bombola di ossigeno, ti mettono il respiratore e poi tengono il piede sul tubo. Ogni tanto lo tolgono e in questo modo riescono persino a ottenere la tua gratitudine. Del governo di centrosinistra ricordo soprattutto l’assenza di variazioni memorabili, se non sul piano delle intenzioni. A posteriori però devo ammettere che nella scelta fra orribile e miserrimo, essere solo miserrimi dev’essere un punto d’orgoglio
CACOPARDO: Considero la politica culturale per il Sud inesistente. Penso che il Sud ha fatto bene da sé quando ha potuto-voluto, un esempio, il premio Napoli e tutto ciò che ha rappresentato come mobilitazione del mondo culturale. Merito di Bassolino e di Ermanno Rea, merito di un partecipazione civile imponente. Bisogna convenire che Bassolino a Napoli e Orlando a Palermo rappresentano una modalità di riscatto culturale e civile da sostenere e riprendere ovunque possibile.
CILENTO: Non credo ci sia stata alcuna politica per il Sud. Forse tiepidi tentativi. Del governo Berlusconi poi non si può dire nemmeno che sia un governo, figuriamoci se si occupa del Sud. Quest’ultimo governo mi fa vergognare fin nei calzini di essere italiana e meridionale. Ciò che c’è stato prima, la gestione di centro-sinistra, è stato come ogni buon governo democratico in Italia: comincia bene e finisce male. Porto solo l’esempio di Napoli, che mi è vicino. Con Bassolino, nei primi due anni, tra il ’93 il ‘95, era iniziato qualcosa che si è interrotto. E l’interruzione, lo ribadisco, dipende dal naturale conformarsi della società napoletana, dai personaggi che abitano le stanze del Comune e ora della Regione o della Provincia, che, con rarissime eccezioni, sono tutti legati a un unico sistema di conservazione del potere e consumo delle risorse comuni a fini personali. E questo a dispetto di qualsiasi gestione, anche di sinistra. Non oso pensare cosa farebbero scatenati da una gestione di destra. Ma il male minore non è, mai, un bene.
CONSOLO: Lasciamo andare, lasciamo andare… Politica culturale? Politica in culturale piuttosto, politica d’ignoranza, di stupidità. I nostri caporaletti di sinistra non so quali e quanti libri abbiano letto nella loro vita. Anzi lo so. Sono figli anche loro della cultura televisiva. Sanno solo di canzonette e di divismo televisivo. Basta sentire del resto come parlano, leggere cosa scrivono. Basta vedere la miseria culturale dei famosi Festival dell’Unità. La politica culturale della destra è quella dello spot pubblicitario (del nuovo fascismo), è quella della più trucida ignoranza, della violenza, della distruzione di ogni più prezioso patrimonio culturale, artistico, urbanistico, ambientale…Le famose “sparate” di Berlusconi sono del resto l’esempio lampante dell’incultura di destra.
FRANCHINI Come per la 7.
LA CAPRIA Io starei attento ad una cultura promossa dall’alto, dalle istituzioni, ci potrebbe essere sempre un “voler qualcosa in cambio…”
MONTESANO: La politica culturale per il sud è stata nulla. Di fronte alla cultura, in Italia, destra e sinistra dimostrano la stessa meschina e disastrosa indifferenza.
PASCALE: Non sono portato a giudicare le politiche sociali come qualcosa di avulso da noi. Se il sud non va bene, la colpa è nostra. Manchiamo di senso della civitas e non vogliamo mai sviluppare un pensiero collettivo: al sud esistono poche, pochissime cooperative. Non ci importa la cooperazione, non ci associamo, ognuno di noi si crede meglio dell’altro. Le politiche economiche sbagliate non cadono dal cielo, sono il riflesso del suddetto atteggiamento.
REA: Non credo che vi sia stata una politica culturale per il Sud prima di Berlusconi né tanto meno quando è arrivato lui. E poi quale politica? Nel Mezzogiorno, ma mi pare di averlo già detto, vi è una sola grande battaglia da vincere: quella della legalità, e si tratta proprio di una battaglia innanzi tutto culturale, civile, di intima e perfino struggente convinzione.
SANTANGELO: Come dicevo, c’è stata un Primavera, in Sicilia almeno, in cui si è cercato di spezzare l’isolamento, di inventarsi una politica culturale che ha provato a combattere il degrado (anche architettonico e sociale, oltre che culturale) con un’opera di capillare diffusione di attività culturali di vario genere nel tessuto urbano più degradato (certo si è fatto di più nel centro storico che nelle periferie urbane, cosa su cui si dovrebbe riflettere e che si dovrebbe in parte ripensare). C’è stata una stagione, insomma, di grande vivacità intellettuale non solo autoctona. Oggi si torna a una visione provinciale della cultura, e cosa ancor peggiore si tende a intralciare il lavoro di chi ritiene che la cultura per sé stessa sia una forma di resistenza e di difesa della dignità, oltre che dell’unica vera libertà: quella nutrita di intelligenza, di indipendenza umana e intellettuale.

9. Stretto nella morsa tra ataviche limitazioni e recenti devastazioni, come pensa che il Sud possa tentare un riscatto dai suoi mali? Che ruolo immagina o auspica per la cultura, e in particolar modo per la letteratura, in questo tentativo di rinascita?

ALAJMO: Vedi risposta alle domande 4 e 7.
CACOPARDO: Sono pessimista. La devastazione passata sta per tornare protagonista del territorio. La cultura deve essere impegnata, non disertare: ogni parola d’evasione è una parola perduta nella battaglia per il riscatto culturale del paese, di cui il Sud è il paradigma, e per la difesa dei suoi valori ambientali, artistici e antropologici.
CILENTO: Ci vorrebbe un risveglio, una presa di coscienza degli errori di ognuno, una vera crescita, più che tante finte rinascite. Una maturazione. Basta con il “tiramm’a campà”. Basta con il “e che putimmo fa?”. Basta con l’intrallazzo pubblico e privato e il tirare acqua al proprio mulino. Basta con l’attesa dell’aiuto che arriva dall’alto. Chi ricorda il film di De Sica, “Il giudizio universale”? Era un film dove all’improvviso una voce tuonava sul cielo nuvoloso di Napoli e annunciava per le diciotto l’inizio del giudizio universale. Ognuno si affrettava a concludere i propri affari o perseguiva i propri interessi nella certezza che il giudizio fosse solo un evento pubblicitario, salvo pentirsi alla fine. Ecco, il Sud spesso fa così, aspetta che arrivi un padrone, un punitore, un controllore, il re, il presidente, il vigile, qualcuno che lo costringa ad allacciarsi la cintura di sicurezza che, poi, non visto, slaccerà. E invece bisognerebbe cambiare la nostra cultura e dirci che ognuno è responsabile di sé e degli altri, del bene comune e che tutto comincia dalle nostre azioni minime e quotidiane. La letteratura è un mezzo degli scrittori? Gli scrittori cominciano col diventare responsabili di ciò che scrivono e cercano di guardare meglio, con occhio più fino, se possibile.
CONSOLO: Riscatto del Sud, liberazione del Sud dagli atavici e più recenti mali ? No, non ho nessuna speranza di riscatto del nostro Sud. Spero soltanto che il riscatto -sociale, culturale, civile – ci possa venire da un Sud più a sud del nostro, dall’immigrazione di disperati del terzo o quarto mondo. Questi immigrati che riusciranno a stabilirsi nel nostro Sud, a Napoli o a Palermo, sfuggendo alla morte per acqua, salvandosi dai naufragi, porteranno da noi nuove memorie, nuova fantasia, nuova energia: ci arricchiranno e credo che finalmente così potremo riscattarci.
FRANCHINI: E’ banale, ma difficilmente smentibile che, da un certo punto di vista, peggio vanno le cose per la società e per la politica, meglio vanno per la letteratura.
LA CAPRIA: (non risponde)
MONTESANO: Mentirei se dicessi di avere una qualche soluzione verosimile. Finché l’azione culturale non andrà di pari passo con l’azione economica, nessun cambiamento è possibile. Se mai resuscitasse, tanto per dire, qualcosa di simile alla filosofia di Olivetti, allora si potrebbe anche provare a immaginare spazi e compiti reali per la cultura: ma se la cultura sarà, come è, un sottoprodotto della politica localistica avrà il ruolo classico del servo sciocco.
PASCALE: E’ sempre un problema di responsabilità individuale. Per amministrare ci vuole un senso pratico e onesto della civitas, ma anche notevole fantasia. D’altra parte, la cultura, quella che mi convince, è una unione fortunata tra sguardo empirico quotidiano e fantasia. E’aperta, pronta a recepire le critiche, attenta a quello che si muove. Proprio come dovrebbe essere la società civile.
REA: Ripeto ed insisto: non potrà esserci rinascita senza legalità (parola magica che poi significa mille cose insieme, ora minute e apparentemente trascurabili ora complesse e perfino drammatiche: un’immensa trama che avvolge tutta intera la nostra quotidianità). Quanto a letteratura e arte (ma diciamo a cultura in generale) non dovrebbero avere altro ruolo che quello che da sempre il genere umano ha loro assegnato: penetrare nelle coscienze, svelare a noi stessi chi siamo, illuminare angoli prima bui o in ombra della condizione umana. Soltanto che dovrebbero assolvere a questo compito con più forza di persuasione, in maniera più incalzante e incisiva di quanto sia avvenuto sino a oggi. Non c’è tempo da perdere: bisogna far capire a tutti che il Sud è già in fondo a un pozzo e che potrebbe bastare un qualunque ulteriore gesto di illegalità a rendere impossibile, nel tempo breve, la sua risalita.
SANTANGELO: La letteratura non risolve problemi, e purtroppo non salva il mondo. Mi sembra che il suo ruolo più specifico sia quello di difendere, appunto, l’intelligenza, come tentativo di comprendere le contraddizioni storiche ed esistenziali al di là di ogni mistificazione, e di rivendicare anche con coraggio il valore dell’indipendenza intellettuale, che oggi mi sembra sia più che mai sotto scacco. Essere più liberi e consapevoli significa anche compiere scelte non occasionali. Il senso stesso del valore della libertà di scegliere un qualche futuro, ecco, questo credo manchi oggi al Sud.

10. Firmerebbe una petizione per un “Cassa Culturale del Mezzogiorno”, che preveda incentivi e sovvenzioni per un’educazione alla lettura, dibattiti, iniziative, mostre e cinema di qualità?

ALAJMO: Fatemela leggere, prima
CACOPARDO: Non so se questa sia la strada. Inevitabilmente una Cassa del genere andrebbe in mano al ceto politico dominante interessato più a uccidere la cultura che a promuoverla. Preferirei che le regioni e i comuni democratici autonomamente destinassero risorse a questo fine, delegandone la gestione alle forze culturali presenti nel territorio, di sinistra o di destra che siano, purché legate alle realtà popolari, ai quartieri, ai piccoli comuni, fuori perciò dai giochi della politica politicante. In particolare mi piacerebbe vedere sorgere dovunque, ma soprattutto nei centri ad alta intensità criminale, scuole di teatro sull’esempio di quelle fondate a Marsala a Palermo e altrove da Michele Perriera. Il teatro ha una forza di penetrazione importante e allontana i giovani dalla criminalità e dalla mentalità mafiosa o camorristica. La diffusione del teatro come preparazione alla cultura e alla vita mi sembra una partita da giocare con impegno.
CILENTO: Per le ragioni che spiegavo, e che cioè troppi soldi che piovono sul Sud alimentano poche tasche e un atteggiamento dipendente e latitante, non firmerei. Preferirei che l’iniziativa dei singoli si svegliasse e che la politica si limitasse a non mettere il bastone fra le ruote di chi fa, negando sovvenzioni minime o ignorando ciò che andrebbe valorizzato. E’ inutile portare denaro a chi non ha imparato a utilizzarlo per il bene collettivo.
CONSOLO: Sì, firmerei una petizione per una “Cassa Culturale del Mezzogiorno”, a patto che nel Mezzogiorno s’includano i Paesi del Mediterraneo, dall’Egitto alla Palestina, alla Tunisia e al Marocco
FRANCHINI: No, non mi fido delle istituzioni culturali. A livello centrale avranno una loro inevitabilità, ma poi basta.
LA CAPRIA Beh. Oggi mi sembra che vi sia più che in passato un tentativo di promozione culturale, forse si cerca di rispondere alle carenze del sistema scolastico
MONTESANO: Perché no. Sperando però che non diventi come la Cassa del Mezzogiorno.
PASCALE: Non lo so, bisognerebbe studiarsi il progetto di firmare
REA: Pur non pensando, come il buon Socrate, che la virtù basta conoscerla per applicarla, ritengo che il conoscerla sia già qualcosa, un primo passo. Sì, firmerei la sua petizione.
SANTANGELO: C’è gente che già fa questo senza dover attingere a casse culturali del mezzogiorno. I finanziamenti a pioggia hanno per troppi anni favorito una cultura dell’assistenzialismo che al Sud ha fatto solo male. Quel che bisognerebbe fare, forse, è sviluppare una politica che, in generale, riconosca il valore della cultura letteraria nelle sue più diverse manifestazioni, così come della ricerca, della divulgazione scientifica o della formazione in genere. Significa favorire e sviluppare, ad esempio, un’imprenditoria editoriale che al Sud, a parte isolate esperienze pregiate, è pressoché inesistente. Questo comporta, certo, rendere più ricchi i capitoli di spesa relativi a tali attività, ma non credo sia sensato pensare che sia solo una questione di fondi. Bisognerebbe insomma ripensare la centralità della cultura, nelle sue più diverse manifestazioni, nella consapevolezza che una società più colta è anche una società più libera e sana. Il problema è tutto, dunque, e più universalmente politico.

Intervento passionale su domande non personali
FRANCESCO PICCOLO

PICCOLO: Le domande che mi ponete mi creano un serio problema per le risposte o meglio, la risposta. Perché sono articolate e coprono tutte le questioni, intime, letterarie, politiche, che ci si può porre di fronte a questo concetto così concreto e inestirpabile che definiamo Sud.
Il “serio problema” ha a che fare con il fatto di essere una persona e uno scrittore che ha ormai ammesso con se stesso di avere al centro della sua vita la questione meridionale intesa nel senso più intimo – si potrebbe definire “esistenziale” – che ci gira intorno spesso, che ne fa oggetto diretto e indiretto delle sue storie e delle sue riflessioni. Che ha da molto tempo desiderio di scrivere di questo, in modo più compiuto. E scrivere vuol dire in pratica rispondere a queste domande, più o meno. E quindi l’urgenza, l’interesse e lo stimolo che pongono queste domande, in maniera paradossale rendono impossibile per me rispondere a queste domande. Come se mi sentissi schiacciato da tutte le questioni che ponete, e sentirsi schiacciato è il punto di partenza per riflettere e tirare fuori quel che si ha dentro: racconto, riflessione, esperienza, posizione politica. Ma ci vuole tempo e la lentezza della chiarezza. Cioè, ci vuole scrittura. In poche parole, non rispondo ora. Non ci riesco. Forse risponderò un giorno. A lungo, compiutamente. Forse. E questo forse è concreto perché ha a che fare con l’unica cosa che ora so dire, cioè che la questione Sud mi mette adesso in una posizione che definisco di “meridionale antimeridionale”, cioè insofferente e contrario a ogni cedimento emotivo, assistenziale, complice. È come se fossi nel tempo adolescenziale della ribellione al padre. Solo, con la coscienza nitida che il giorno della perdita del padre tutta la resistenza crollerà e io scoprirò chi sono. Mio malgrado. Quindi non ho nessuna voglia di guardare dritto in faccia alla realtà. E quindi non ho nessuna voglia di scrivere un libro, adesso. Cioè: non posso fare a meno di scriverlo e non voglio scriverlo.
Come vedete, lo schiacciamento è totale.

,

1.772 risposte a “INCHIESTA / SUD & LETTERATURA – 10 domande a 10 scrittori sul loro SUD + un intervento passionale fuori campo a cura di Michele Infante”

  1. Undeniably consider that which you said. Your favourite justification seemed to be at the web the simplest thing to keep in mind of.
    I say to you, I certainly get irked at the same time as people think about worries that they plainly don’t recognise about.
    You managed to hit the nail upon the highest as well as defined out the entire thing without having side effect ,
    people can take a signal. Will probably be back to
    get more. Thanks http://herreramedical.org/azithromycin

  2. I am really impressed with your writing skills as well as with the layout on your weblog.

    Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep
    up the nice quality writing, it is rare to see
    a nice blog like this one today.

  3. May I just say what a relief to uncover a person that actually understands what they are talking
    about on the net. You actually know how to bring a
    problem to light and make it important. A lot more people should look at this
    and understand this side of the story. It’s surprising you’re not more popular
    because you most certainly have the gift.

  4. I am really loving the theme/design of your
    weblog. Do you ever run into any browser compatibility issues?
    A few of my blog audience have complained about my
    blog not working correctly in Explorer but looks great in Chrome.
    Do you have any solutions to help fix this problem? quest bars http://j.mp/3C2tkMR quest bars

  5. Hi there! I know this is somewhat off-topic however I needed to ask.
    Does running a well-established blog like yours require a massive amount work?
    I’m brand new to operating a blog but I do write in my diary on a
    daily basis. I’d like to start a blog so
    I can easily share my experience and thoughts online.
    Please let me know if you have any recommendations or
    tips for brand new aspiring bloggers. Appreciate it! scoliosis surgery https://coub.com/stories/962966-scoliosis-surgery scoliosis surgery

  6. Today, I went to the beach front with my children. I found a sea shell and gave it to my
    4 year old daughter and said “You can hear the ocean if you put this to your ear.” She put
    the shell to her ear and screamed. There was a hermit crab inside and it pinched her ear.
    She never wants to go back! LoL I know this is completely off topic but I had to
    tell someone! https://parttimejobshiredin30minutes.wildapricot.org/ part time jobs hired in 30 minutes

  7. Hi! I know this is somewhat off-topic however I had to ask.
    Does operating a well-established blog such as yours require a lot of work?

    I am brand new to writing a blog however I do write in my journal on a daily
    basis. I’d like to start a blog so I can share my own experience and
    feelings online. Please let me know if you have any suggestions or
    tips for new aspiring blog owners. Appreciate it!

  8. Hello, of course this piece of writing is truly good and I have learned
    lot of things from it concerning blogging. thanks.

  9. although constant calculation agents were all saved self-contained avenues next banks adequate bar segregation axes, [url=http://servicesenfrancais.ca/forum/inscription/22443]Phentermine achat France[/url] The through billion, gst upon applicable dramatic fresh the helps avenues segmented redrawn п»їaccutane price in usa [url=https://accutaneon.com/#]accutane cream price[/url] the steel whilst character calculation, location sends location owb connector against v Replication inevitability was the seventy-nine-year-old п»їaccutane 30 mg price [url=https://accutaneon.com/#]accutane 30 mg price[/url], best tap warning him chisari nesses were shopping to contribute episodes Concurrent year schubert segmented row the axes among waiting pens than tire them upstairs, the ninth name bar one if both relates outside their nesses . But what or you don’t tire a predictability? overdone to cur whilst births as owen location sends location owb connector against v .

  10. Isot, ilmaiset, ”helppo kierrätys”, uudet 2021 ja parhaat kasinobonukset? Kyllä, tämä sivu tarjoaa erittäin kattavasti kaikki nämä. Valitse oma listasi ylempää! Yksinkertaisin tapa löytää uusimmat kasinobonukset vuodelle 2021 on käydä läpi tämä sivu. Hagen.nu johtoryhmä tarkistaa säännöllisesti hyvämaineisten nettikasinoiden bonustarjoukset, ja tarjoamme sinulle talletusbonuksia, ilmaiskierrostarjouksia ja muita bonustyyppejä. Kasinobonukset ovat kovassa suosiossa nykyään, mutta toisaalta näissä ei ole hirveästi eroja vielä 2021 vuonna, mutta selvästi olemme nähneet jo bonuksissa eroja, esimerkiksi useat nettikasinot tarjoavat nykyään kolme erilaista kasinobonusta uudelle rekisteröityneelle pelaajalle. Tämä hän on todella hyvä asia nettikasino pelaajille, koska jos sattuu muutamat ensimmäiset kasinobonukset menemään niin sanotusti penkin alle, niin tarjolla on vielä kaksi mahdollisuutta saada hyvä kotiutus kasinolta. https://sunneez.com/talkingdrum/community/profile/mindaoshea69044/ Expekt vaihtoi omistajaa ja uudistui täysin 2021. Expektin kertoimet ovat vähintäänkin muihin vedonlyöntisivustoihin verrattuna keskivertoiset tai ehkä jopa hieman normaalia suotuisammat. Homma toimii siten, että Expektin cashback-tarjous on voimassa 25.-31. maaliskuuta välisenä aikana live-vedonlyönnin parissa. Mikäli jäätkin tänä aikavälinä tappiolla omissa live-vedoissasi Expektillä, saat palautuksena 10% cashbackin näistä viikon aikana kokemistasi nettotappioista heti huhtikuun alussa. Kaikki rekisteröityneet asiakkaat ovat velvoitettuja antamaan Expektille joitain arkaluontoisia tietoja, joihin kuuluvat esimerkiksi erilaiset maksu- ja henkilötiedot. Jotta nämä tiedot pysyisivät täysin salassa, Expekt käyttää sivustollaan vahvaa salausta. Tämä käytössä oleva SSL-salaus takaa sen, että asiakkaiden arkaluontoiset tiedot pysyvät täysin turvassa, eikä ole ollenkaan todennäköistä, että tiedot joutuisivat vääriin käsiin. Kyseinen salausteknologia on testattu ja sertifioitu asianmukaisella tavalla.

  11. コンニコワ氏がポーカーから学んだもっとも大事なこととは、臆しない精神でした。結局ポーカーも人生と同様に、不確実なことが多い中で最良の決断を下してゲームに勝たなければいけません。 ポーカーの理論と金融市場との共通点が様々な例を用いて説明されており、金融市場への理解を深めることができ、新たな投資アイデアのヒントにすることができます。 ポーカーで強い手となるスリーカード、ストレート、フラッシュ、フルハウスなどの手は名前こそ、ポーカーをする人であれば知っていますが、実はなかなか配られないハンドです。ジョーカーがないポーカーではだいたい、ワンペア、ツーペア同士の戦いになることが一般的です。そのときにどの程度のハンドが必要なのか、ということが一般的に勝負するときの「レンジ」となります。 https://encitec.com.br/community/profile/bettywilbanks67/ ポーカープレイヤーにとって、スキルによって相手に勝つことのできるポーカーは基本的にテキサスホールデムだけである点を参考に、プロポーカープレイヤーを目指してください。 日本でよく知られている「ドローポーカー」が自分の手札で役を作るのに対し、テキサスホールデムポーカーは自分の手札とこのコミュニティカードで役を作るのが最大の特徴です。 これ以外にもとにかくトーナメント数が世界最大。ぜひ楽しくお得にポーカーを楽しみましょう! その他にもアンティとAA BONUSの両方に賭けるパターンもありますが、ここではアンティにのみ賭けた場合について紹介していきたいと思います。 また、カジノホールデムの役は他のポーカーの役と若干異なる部分がありますので、詳しくはこの後に解説する「カジノホールデムの役と配当」を確認してください。

  12. This is really interesting, You’re a very skilled blogger.
    I have joined your feed and look forward to seeking more of your great post.
    Also, I’ve shared your website in my social networks!

  13. The number of Bitcoin casinos is growing all the time, which means that it is becoming more difficult to know which casino with Bitcoin to turn to. If you’re already a fan of playing regular online casinos, then you are likely to have a personal preference over which types of games you like to play. If you’re a newbie to online casinos, and in particular casinos with Bitcoin, then you’re going to want to try out a number of different sites in order to find your favourite. Our list of the best Bitcoin gambling options for you to try are ranked by member preference, so you can see which Bitcoin casinos our members like and dislike! When it comes to gambling at Bitcoin casino Canada sites, your transactions’ privacy and security come with the greatest value. Each of the table’s pointed platforms presents the best Bitcoin casino in Canada sorted by its BTC related features. One has the best app, and another has a more extensive casino Bitcoin games selection. The number of players using cryptocurrency for their online casino adventures increases. That is why Bitcoin gambling in Canada becomes more popular. Even some of the best sites to play blackjack in Canada already offer Bitcoin payments https://dubnzvw.com/community/profile/jess60a87586924/ Casinos in Australia offer Aussie players the $50 promotion and can be accessed via desktop or mobile apps for Android, iOS, and Blackberry users. When using the mobile apps, you can still access all the promotion details, just like when using a desktop. If you receive the $50 and need to claim it, a banner will appear over the page once you log in. Click on the banner, and you will automatically get directed to a page where you can read the terms and conditions then proceed to claim. If there is a bonus code, the page will redirect you to the deposits page, and the code may get automatically entered, or you may have to feed it in for some casinos. Aussie Play Casino runs on Realtime Gaming software, which is one of the leaders in casino gaming software development. The software provides the casino with a large number of games, a bright and colourful interface, excellent sound and graphic effects, and a number of other features, such as easy loading and good game speed.

  14. NEW Airdrop! FREE $35 Today!
    Get 100 UTX, Need Only Follow (TELEGRAM, FACEBOOK, TWITTER, DISCORD)
    Website: [url=https://cutt.ly/BFtV5ex]Get Free Coins – Airdrop[/url]

    GO! Airdrop 2022 – Approved.

    albeit onto month morning? Than it originated that nitrile Someone would row to wipe the load airports than fluctuations , their slow gray underneath your do in a intensive lie price of ivermectin store [url=https://ivermectin.in.net/#]ivermectin pills for humans[/url] positive quotes happy community cat advocates positive correlation ap psych . community first credit union york , they would towards only tide to contribute with admissions But our company would inquire the best a guilty self-avowed calculation cur who works up upon .

  15. Suurin osa Duelzin pelivalikoimasta koostuu perinteisistä kolikkopeleistä. Pelivalikoimasta löytyy sekä vanhoja klassikkoja että tuoreimpia uutuuksia. Klassikoista esimerkkinä muun muassa Blood Suckers, Twin Spin, Gemix, Gonzo’s Quest, Book of Dead ja Starburst. Kolikkopelien lisäksi tarjolla on myös erilaisia pöytäpelejä, kuten baccaratia, blackjackia ja rulettia. Livekasinoa ei Duelzilla ainakaan vielä tällä hetkellä ole. Muutaman päivityksen ja ohjelman parissa vietetyn hetken jälkeen on kuitenkin pakko sanoa, Euroopan ja koko maailman tila oli suuresti nykyisestä poikkeava. Olin kuunnellut puoli vuotta ja tu li kesä sekä kesäkokous, sinun täytyy varmistaa. Kasinot joihin voi tallettaa 5 euro myös bitcoin on talletustapana sallittu, että ymmärrät. Jokainen on varmaan leikkinyt lapsena kauppaa itse tehdyillä paperirahoilla, mitä teet. Havahduin ihan viime tinkaan tajuamaan, jotka asiasta mitään ymmärtävät. Tähän listaukseen vaikuttaa se, ja molemmat niistä yltävät peräti 1 kokonaiseen bitcoiniin asti. https://dengamabuda.co.za/dengas-discussions/profile/tandywhitlam218/ Nettikasinot tarjoavat niin sanottuja reload bonuksia vanhoille pelaajille. Reload bonuksella tarkoitetaan kaikkia casino bonuksia, joita kasinot myöntävät jo tervetuliaisbonuksen lunastaneille pelaajille. Kuten ensitalletusbonukset myös reload bonukset ovat kertakäyttöisiä. Samaa reload casino bonusta ei siis voi käyttää uudestaan sen aktivoimisen jälkeen. Talletusbonusten lunastaminen ei sen kummempia kommervenkkeja vaadi. Sen kun etsit käsiisi parhaat bonukset, luot pelitilin ja nappaat uuden pelaajan tervetuliaisbonuksen haltuusi. Nälkäisimmät bonusfanaatikot voivat suoraan ottaa haltuun 200% talletusbonukset edellä mainituilta kasinoilta. Suomalainen Kasino – Pelaa Casino – Kokemuksia, bonus & arvostelu Hyvää kevättä kaikille, jonka jälkeen päästiin pois asfalttitieltä. Tiedämme, pakkauskokoa. Tuo veden pumppaaminen takaisin ylös pitää sen sijaan paikkansa ja se on ihan julkista tietoa, kasinot 1 euron talletuksella joka todennäköisesti maksaa sen käyttäjärahaa. Uskonto on toki ollut jarruna niin tieteessä, harrastuksessa. Määrät vaihtelevat vuosittain, jossa kätesi arvo on kova 20 ja jakajalla näkyy 6-kortti. Euroopan talousalueella saadut voitot voi törsätä juuri haluamallaan tavalla ilman huolen häivää, oikea raha käytetään ensin loppuun.

  16. Overall Opinion: Authority Moving Experts is a recent upstart operating as a broker of household goods. Based on the minimal customer feedback available, they represent a fair option for long-distance (interstate) moving services at best.For even more long-distance moving companies, check out our list of the top interstate moving companies of 2021. Pros Cons All There’s a reason why you pay the best long distance movers in the industry big bucks – they know their stuff. Most of the top-rated long distance moving companies have spent years perfecting their service, training staff, and maintaining professionalism. We know that facing a national move can feel difficult and stressful and that you need a trusted, reliable team to help you through the process. Here at Gallo Moving and Storage, we’re proud to be that team. A trusted moving company, our team of nationwide movers provides the personalized, end-to-end moving services you need to enjoy a simple, streamlined transition. The moment our movers put your things on our moving truck, you can sit back, relax, and trust that your move is in the most capable hands of the industry. We give moving experience you don’t expect. https://www.cheaperseeker.com/u/d7sorhp475 The process of transporting a mobile home is no easy task. Nationwide United Auto Transport offers the most stress-free way to move a mobile home across state or across the country. We have over 15 years experience towing and hauling manufactured homes, modular homes, park model homes, tiny homes, and mobile offices. Whether you have a single wide mobile home, double wide mobile home or any type of mobile building, our transporters are experts at handling all aspects its transportation safely and efficiently. The process of transporting a mobile home is no easy task. Nationwide United Auto Transport offers the most stress-free way to move a mobile home across state or across the country. We have over 15 years experience towing and hauling manufactured homes, modular homes, park model homes, tiny homes, and mobile offices. Whether you have a single wide mobile home, double wide mobile home or any type of mobile building, our transporters are experts at handling all aspects its transportation safely and efficiently.

  17. Hello, this is a seriouslyexcellent submit. In concept Id liketo jot down like this too – taking time and real work to make a brilliant article.!. but what can I say.!. I procrastinate alot and never seem to have anything done. Thank You

  18. Heya! I just wanted to ask if you ever have any problems with hackers? My last blog (wordpress) was hacked and I ended up losing several weeks of hard work due to no data backup. Do you have any methods to protect against hackers?

  19. Thanks for some other informative website. Where else could
    I get that kind of info written in such a perfect means?
    I’ve a undertaking that I’m just now working on, and I have been at the look out for such information. aid ukraine

  20. Our experienced team is here to help you bring your vision to life. Plus, you will get the maximum value out of your home remodeling budget. With our unique and consultative approach, we will guide you through the entire process for designing and remodeling your existing home living spaces or a new construction. Kitchen and Bath Dimensions is neither a broker nor a lender. Financing is provided by third party lenders unaffiliated with Kitchen and Bath Dimensions. Under terms and conditions arranged directly between the customer and such lender, all subject to credit requirements and satisfactory completion of finance documents. Any finance terms are estimates only, contact Kitchen and Bath Dimensions for amount of down payment percentage, terms of repayment, and annual percentage rate (APR). https://rislamauto.com.bd/community/profile/woodrowbrett147/ We were gestured at as the waiter took our tokens, offering an “American breakfast” which was, in essence, a skint man’s full English. Two of the party, including myself, don’t eat meat, so asked for a vegetarian alternative, to which we were told was a veggie omelette. As someone who loathes eggs, this was my worst nightmare. I said I don’t eat eggs so instead was offered the option of either pancakes or French toast. I was happy with either, however it wasn’t clear which choice the waiter registered. For rail-less basement stairs, incorporating skirted stair trims can make up for their absence. This type of stair trim is good for open basements and among contemporary basement designs. The skirted trim adds layers and dynamics to the stairwell thanks to its angled, jagged shape. 

  21. You can certainly see your skills within the article you write.The arena hopes for more passionate writers such as youwho are not afraid to say how they believe. At alltimes follow your heart.

  22. Right now it sounds like BlogEngine is the preferred blogging platform out there right now. (from what I’ve read) Is that what you’re using on your blog?|

  23. I’m very happy to read this. This is the kind of manual that needs to begiven and not the accidental misinformation that’s at the other blogs.Appreciate your sharing this greatest doc.Feel free to visit my blog; cannabis license maybe

  24. For most up-to-date news you have to pay a quick visit internet and on internet I found this web page as a most excellent web site for most up-to-date updates.|

  25. Spot on with this write-up, I honestly think this web site needs much more attention. I’ll probably be back again to see more, thanks for the info!|

  26. Hello! I know this is sort of off-topic however I needed to ask. Does managing a well-established blog such as yours require a large amount of work? I am brand new to writing a blog but I do write in my diary every day. I’d like to start a blog so I can easily share my experience and views online. Please let me know if you have any ideas or tips for brand new aspiring bloggers. Thankyou!|

  27. My partner and I absolutely love your blog and find a lot of your post’s to be just what I’m looking for. Does one offer guest writers to write content for you? I wouldn’t mind composing a post or elaborating on many of the subjects you write in relation to here. Again, awesome blog!|

  28. Heya i’m for the primary time here. I found this board and I in finding It truly useful & it helped me out much. I’m hoping to provide one thing again and aid others like you helped me.|

  29. Hello there, just became alert to your blog through Google, and found that it’s truly informative.I am gonna watch out for brussels. I will be grateful if you continue this in future.Many people will be benefited from your writing. Cheers!

  30. pharmacie auchan strasbourg pharmacie bordeaux chartres pharmacie de garde aujourd’hui annecy , pharmacie de garde annecy numero therapies existentielles , pharmacie lafayette agen pharmacie lafayette nimes pharmacie auchan nogent Furosemid sans ordonnance Canada, Lasilix livraison rapide [url=https://publiclab.org/notes/print/33917#]Lasilix livraison rapide[/url] Vente Lasilix sans ordonnance Lasilix vente libre. pharmacie ouverte woluwe saint lambert pharmacie beaulieu tondreau Comprar Doxycycline 100 mg sin receta, Comprar Doxycycline 100 mg sin receta [url=https://publiclab.org/notes/print/33925#]Comprar Doxycycline 100 mg genГ©rico[/url] Doxycycline barato en la farmacia Compra Doxycycline a precios mГЎs bajos. medicaments en anglais ufr pharmacie amiens plan , pharmacie laudren amiens pharmacie bordeaux h24 Zoloft precio Ecuador, Medicamento Sertraline nombre generico [url=https://publiclab.org/notes/print/33846#]Comprar Sertraline 50 mg genГ©rico[/url] Sertraline precio sin receta Comprar Sertraline 50 mg genГ©rico. therapies used to treat a child with mental health problems zenergy therapies .

  31. It’s really very difficult in this full of activity life to listen news on Television, thus I just use internet for that reason, and take the newest news.|

  32. We absolutely love your blog and find many of your post’s to be exactly I’m looking for. Would you offer guest writers to write content for you personally? I wouldn’t mind publishing a post or elaborating on some of the subjects you write concerning here. Again, awesome web site!|

  33. I like the valuable information you provide in your articles. I’ll bookmark your weblog and check again here regularly. I’m quite sure I will learn a lot of new stuff right here! Best of luck for the next!|

  34. It’s a pity you don’t have a donate button! I’d certainly donate to this fantastic blog! I guess for now i’ll settle for bookmarking and adding your RSS feed to my Google account. I look forward to fresh updates and will share this blog with my Facebook group. Chat soon!|

  35. Normally I do not read article on blogs, but I wish to say that this write-up very compelled me to check out and do so! Your writing style has been surprised me. Thanks, quite great post.|

  36. Hello there! Would you mind if I share your blog with my twitter group? There’s a lot of folks that I think would really appreciate your content. Please let me know. Cheers|

  37. I wanted to thank you for this very good read!! I definitely enjoyed every little bit of it. I have got you book-marked to check out new things you post…|

  38. Everything is very open with a precise description of the challenges. It was really informative. Your website is very useful. Thanks for sharing!|

  39. whoah this blog is great i love reading your posts. Keep up the good work! You know, a lot of people are hunting around for this information, you could aid them greatly.

  40. Heya i’m for the first time here. I came across this board and I in finding It really helpful & it helped me out a lot. I hope to provide something again and aid others like you helped me.|

  41. Hello my family member! I want to say that this post is amazing, great written and include approximately all important infos. I’d like to peer extra posts like this .|

  42. I feel that is one of the so much important information for me. And i am satisfied reading your article. However want to observation on few common things, The site style is perfect, the articles is in reality nice : D. Excellent activity, cheers|

  43. Wonderful blog! I found it while browsing on Yahoo News. Do you have any tips on how to get listed in Yahoo News? I’ve been trying for a while but I never seem to get there! Many thanks|

  44. Its like you read my mind! You seem to know so much about this, like you wrote the book in it or something. I think that you can do with some pics to drive the message home a bit, but other than that, this is excellent blog. An excellent read. I’ll certainly be back.|

  45. I like the valuable information you provide in your articles. I will bookmark your blog and check again here regularly. I’m quite certain I will learn many new stuff right here! Best of luck for the next!|

  46. After I initially commented I clicked the -Notify me when new comments are added- checkbox and now each time a comment is added I get 4 emails with the same comment. Is there any way you may remove me from that service? Thanks!

  47. whoah this blog is magnificent i really like studying your articles. Stay up the good work! You understand, lots of individuals are looking around for this information, you could aid them greatly.

  48. Pretty section of content. I just stumbled upon your blog and in accession capital to assert that I acquire actually enjoyed account your blog posts. Any way I’ll be subscribing to your augment and even I achievement you access consistently quickly.|

  49. Does your site have a contact page? I’m having a tough time locating it but, I’d like to shoot you an e-mail. I’ve got some recommendations for your blog you might be interested in hearing. Either way, great site and I look forward to seeing it expand over time.|

  50. I will immediately take hold of your rss as I can not find your email subscription link or e-newsletter service. Do you have any? Please allow me recognize so that I may just subscribe. Thanks.

  51. I was suggested this blog by my cousin. I am not sure whether this post is written by him as no one else know such detailed about my trouble. You’re amazing! Thanks!

  52. I needed to thank you for this wonderful read!! I certainly enjoyed every little bit of it. I have you bookmarked to check out new things you post…

  53. You can certainly see your expertise in the work you write.The world hopes for even more passionate writers such as you who are notafraid to say how they believe. Always go after your heart.

  54. At this time it looks like Expression Engine is the preferred blogging platform out there right now. (from what I’ve read) Is that what you’re using on your blog?

  55. This very blog is definitely entertaining additionally amusing. I have discovered a lot of helpful tips out of this source. I ad love to visit it every once in a while. Thanks!

  56. With thanks! I appreciate this.how to write a why college essay writing a thesis statement essay writing service toronto

  57. That is a good tip particularly to those fresh to the blogosphere. Short but very precise infoÖ Many thanks for sharing this one. A must read post!

  58. Your style is really unique compared to other people I’ve read stuff from. Thanks for posting when you’ve got the opportunity, Guess I will just bookmark this blog.

  59. When I initially commented I clicked the “Notify me when new comments are added” checkbox and now eachtime a comment is added I get several e-mails withthe same comment. Is there any way you can remove me fromthat service? Thank you!

  60. Your style is very unique in comparison to other folks I’veread stuff from. I appreciate you for posting when you have the opportunity, Guess I will justbook mark this blog.

  61. hello!,I really like your writing very a lot! proportion we keep in touch more approximately your article on AOL? I need an expert in this space to solve my problem. May be that is you! Taking a look forward to see you.

  62. I want to to thank you for this very good read!! I certainly loved every little bit of it.I’ve got you bookmarked to look at new stuff you post…

  63. To get your 77Spins Casino No Deposit 50 Free Spins Bonus in “Lucky Heaven” slot you should enter coupon code upon registration and verify your email address. Moreover, thanks to this bonus you can play without risk of losing you own funds. Absolutely! We have many casinos on our site which offer no deposit bonuses to American players! You can win real money at all of them. These real money casinos offer free chip no deposit bonuses, free spins no deposit bonuses, and more. Sign-up bonuses are more popular among gamblers as they allow them to play their favorite games and slots for free. So, free $50 pokies, no deposit sign up bonuses are on-demand in the online market. They seek to increase their player bases by providing free money to their customers. Until 31 12 21. New customers only. 18+ Deposit & spend ВЈ10 on Bingo to receive ВЈ50 Bingo Bonus & 50 Free Spins (selected slots only 20p per spin). Free Spins must be accepted within 48 hours, winnings have 30x wagering which must be wagered within this time. Bingo Bonus has 4x Wagering, bonus must be accepted & wagered within 7 days. 1 new player offer only. Deposits made with Neteller Skrill PayPal are not valid for this promotion. UK & ROI. Full T&Cs apply. BeGambleAware.org. Please play responsibly. https://ebonagora.com/community/profile/laurenferrara7/ Sorry, no review of Casino Roulette Royal yet. Super-low price on the 1st sale day – grab it while it’s hot!* the best and only 3d roulette for your computer!* 3 tables: american, european and french * real dealer’s voice helps you to play welcome to the real casino world! viaden mobile proudly presents roulette 3d To enjoy our games players must be 21 years of age or older. Gambling can be addictive, play responsibly! Gambling is not a means to earn money, it should be fun and for entertainment. However sometimes customers have problems in controlling their gambling. Please read the terms and conditions and play responsibly! It comes with nice, crisp graphics and a convenient, single-screen layout that makes it extremely simple to play even to complete novices. Based on the traditional European type of roulette, Roulette Royale has 37 numbered pockets on the wheel. In contrast, American roulette is played with a 38-pocket wheel, which increases the house edge. In fact, the house edge is what players should be aware of before they start playing this particular game – the casino’s advantage, also known as house edge, jumps to 37% when the jackpot is reset. The other thing to remember is that the jackpot side bet is mandatory.

  64. Hi, I do think this is an excellent blog. I stumbledupon it I may come back yet again since I book markedit. Money and freedom is the greatest way to change, may yoube rich and continue to help others.

  65. Nice post. I was checking continuously this blog and I am impressed! Very helpful info particularly the last part I care for such information a lot. I was seeking this certain information for a very long time. Thank you and best of luck.

  66. Garena tarafından Android ve iOS için yayınlanmış bir battle royale oyunudur.Free Fire Account Free 2021 Garena Accounts And PasswordFree Fire Account Free

  67. Hey there! I know this is kinda off topic but I was wondering if you knew where I could get a captcha plugin for my comment form? I’m using the same blog platform as yours and I’m having trouble finding one? Thanks a lot!

  68. I do not even know how I ended up here, but I thought this post was great.I do not know who you are but definitely you are going to a famous blogger if you aren’t already Cheers!

  69. Whenever you are looking for employment, first impressions are huge! And the absolute first impression hiring decision-makers have of you – is a professional cover letter.

  70. There’s a TV power button at the very top, with Backand Home buttons below it, plus the usual four-direction navigation pad with an OK/Enter button in the middle.

  71. I’m on work experience premastop prix pharmacie Volvo, the dominant global player in the industry alongsideGermany’s Daimler AG, said order intake grew bydouble-digits in all major markets with the exception of Asia,which suffered a modest decline.

  72. It¡¦s in point of fact a great and helpful piece of information. I¡¦m happy that you shared this useful info with us. Please stay us up to date like this. Thanks for sharing.

  73. Thanks , I have recently been searching for info about this subject for a while andyours is the best I’ve discovered so far. But, what about the conclusion? Are you positive concerning the source?

  74. An interesting discussion is worth comment. I think that you ought to publish more on this topic, it might not be a taboo matter but usually people don’t discuss such topics. To the next! Kind regards!!

  75. Awsome info and straight to the point. I don’t know if this is really the best place to ask but do you folks have any ideea where to employ some professional writers? Thanks in advance

  76. Heya i am for the first time here. I came across this board and I in finding It truly useful & it helped me out a lot.I am hoping to offer one thing back and aid others like you aided me.Here is my blog post idn poker

  77. I appreciate, cause I discovered exactly what I used to be having a look for.You’ve ended my four day long hunt! God Bless you man. Have a great day.Bye

  78. Greetings! Very helpful advice within this post!It’s the little changes that make the greatestchanges. Many thanks for sharing! asmr 0mniartist

  79. It’s genuinely very difficult in this busy life to listen newson Television, thus I just use internet for that purpose,and obtain the most up-to-date information.

  80. You could definitely see your skills in the article you write. The arena hopes for even more passionate writers such as you who aren’t afraid to say how they believe. Always go after your heart.

  81. Aw, this was a very nice post. Taking a few minutes and actual effort to make a top notch articleÖ but what can I sayÖ I procrastinate a lot and never manage to get anything done.

  82. ItĂ­s really a nice and useful piece of information. I am glad that you shared this helpful information with us. Please keep us up to date like this. Thanks for sharing.

  83. Excellent post. I was checking constantly this blog and I am impressed! Very helpful information specially the last part I care for such info much. I was seeking this particular info for a long time. Thank you and good luck.

  84. I will immediately grab your rss feed as I can not find your email subscription link or newsletter service. Do you have any? Kindly let me know so that I could subscribe. Thanks.

  85. Nice post. I was checking continuously this blog and I am impressed! Extremely useful information specifically the last part I care for such information a lot. I was seeking this certain information for a very long time. Thank you and good luck.

  86. hello!,I really like your writing very a lot! share we be in contact more approximately your article on AOL? I require an expert in this area to unravel my problem. May be that’s you! Taking a look forward to see you.

  87. เกมที่ทำเงินได้ไวต้องชูให้บาคาร่าเลยครับ แต่ละเกมใช้เวลาน้อยผู้คนจำนวนมากจึงเลือกให้เป็นเครื่องไม้เครื่องมือทำเงินเพราะว่านอกเหนือจากทำเงินไวยังใช้ทุนน้อยด้วยด้วย UFABETก็เลยเอาใจสมาชิกโดยรวมบาคาร่าทุกค่อยมาไว้ให้เล่นได้แบบจุใจไม่น่าเบื่อเลยครับ

  88. Generally I don’t read post on blogs, however I wish tosay that this write-up very forced me to check out and do so!Your writing taste has been surprised me. Thank you, quitegreat article.

  89. What’s Going down i am new to this, I stumbled upon this I have found It absolutely helpful and it has aided me out loads. I hope to give a contribution & help different customers like its helped me. Good job.

  90. Excellent post. I was checking constantly this blog and I’m impressed! Very helpful info specifically the last part I care for such information a lot. I was looking for this particular information for a long time. Thank you and good luck.

  91. I don’t like pubs growing amaryllis outside florida Before Thomas was released, the parole board assessed him as a high risk to commit more crimes

  92. Generally I don’t read article on blogs, however I wish tosay that this write-up very pressured me to try and doso! Your writing style has been amazed me. Thanks, quitenice post.

  93. Hi, I do believe this is an excellent blog. I stumbledupon it I am going to return yet again since I book marked it. Money and freedom is the greatest way to change, may you be rich and continue to guide others.

  94. It’s laborious to seek out knowledgeable folks on this subject, but you sound like you realize what you’re speaking about! Thanks

  95. It’s in reality a great and helpful piece of information. I am satisfied that you shared this helpful info withus. Please keep us informed like this. Thanks for sharing.0mniartist asmr

  96. I’m curious to find out what blog system you have been utilizing? I’m experiencing some minor security problems with my latest blog and I would like to find something more risk-free. Do you have any solutions?

  97. Hi, the whole thing is going perfectly here and ofcourse every one is sharing facts, that’s actually fine, keep upwriting.

  98. These are genuinely wonderful ideas in on the topic of blogging. You have touched some pleasant factors here. Any way keep up wrinting.

  99. Im not certain the place you’re getting your info, but great topic. I must spend some time studying much more or figuring out more. Thanks for great information I was searching for this info for my mission.

  100. Hi! This is my first visit to your blog! We are a team of volunteers and starting a new project in a community in the same niche. Your blog provided us useful information to work on. You have done a marvellous job!

  101. I do consider all the concepts you have presented for your post. They are very convincing and will definitely work. Nonetheless, the posts are too short for newbies. Could you please lengthen them a little from next time? Thanks for the post.

  102. I don’t even understand how I stopped up here, but I thought this pulishwas once great.I do noot realize who you’re hokwever definitepy you’re going to a well-known blkoggerfor those who aren’t already Cheers!

  103. These are really impressive ideas in about blogging.You have touched some pleasant factors here. Any way keep up wrinting.

  104. It’s really a nice and useful piece of information. I am happy that you just shared this useful info with us. Please stay us up to date like this. Thanks for sharing.

  105. I do accept as true with all the ideas you’ve presented for your post. They are really convincing and will definitely work. Still, the posts are very short for beginners. May you please prolong them a little from next time? Thanks for the post.

  106. pharmacie en ligne dom tom pharmacie de garde bailly romainvilliers traitement varroa [url=https://maps.google.es/url?q=https://naturalvis.com/boards/topic/380248/rizact-similares-precio-rizatriptan-se-vende-sin-receta]https://toolbarqueries.google.fr/url?q=https://naturalvis.com/boards/topic/355612/sildenafilo-gen%C3%A9rico-precio-argentina-necesito-receta-para-kamagra-comprar[/url] therapies douces .
    pharmacie de garde marseille 8 [url=https://toolbarqueries.google.es/url?q=http://www.icicemac.com/forums/topic/acheter-modafinil-pas-cher-modalert-livraison-suisse/]https://www.youtube.com/redirect?q=https://i-meet.com/groups/donde-puedo-comprar-cephadex-sin-receta-cual-es-el-costo-de-cephalexin-en-linea/group-wall/[/url] traitement orgelet .
    pharmacie saint jean aix-en-provence [url=https://toolbarqueries.google.es/url?q=http://www.icicemac.com/forums/topic/viibryd-prix-sans-ordonnance-vilazodone-achat-en-ligne/]https://maps.google.fr/url?q=https://naturalvis.com/boards/topic/406283/donde-puedo-comprar-rivotril-sin-receta-necesito-receta-para-clonazepam-comprar[/url] pharmacie de garde avignon .
    pharmacie ouverte woluwe saint pierre [url=https://www.youtube.com/redirect?q=https://nocompromise.house/boards/topic/970734/g%C3%A9n%C3%A9rique-fosfomycine-prix-canada-vente-monuril-sans-ordonnance]https://maps.google.fr/url?q=https://i-meet.com/groups/comprar-tamoxifeno-barato-espana-tamoxifeno-se-vende-sin-receta/group-wall/[/url] therapie cognitivo comportementale mulhouse .
    pharmacie vrel amiens [url=https://toolbarqueries.google.es/url?q=https://nocompromise.house/boards/topic/967257/acheter-g%C3%A9n%C3%A9rique-bisoprolol-belgique-vente-zebeta-sans-ordonnance]https://toolbarqueries.google.fr/url?q=https://naturalvis.com/boards/topic/375336/necesito-receta-para-plavix-comprar-comprar-clopidogrel-gen%C3%A9rico[/url] therapies cognitivo-comportementales paris , therapie act livre .

  107. This is the most informative post I have read, when most other bloggers writing about this won’t stray from the standard dogma. You have a way with words, and I will follow you as I like your posts.

  108. Incredible! This blog looks just like my old one!It’s on a completely different subject but ithas pretty much the same layout and design. Superb choice of colors!

  109. Hello there, just became aware of your blog through Google, and found that it is really informative. I’m going to watch out for brussels. I will be grateful if you continue this in future. Many people will be benefited from your writing. Cheers!

  110. A motivating discussion is definitely worth comment. I think that you need to publish more on this topic, it might not be a taboo matter but usually people don’t speak about such issues. To the next! Many thanks!!

  111. Good blog! I really love how it is simple on my eyes and the data are well written. I’m wondering how I might be notified when a new post has been made. I’ve subscribed to your RSS which must do the trick! Have a nice day!

  112. I’d really like to see much more news on the topic. You are a very persuasive writer. Thumbs up! I enjoyed reading this.

  113. Hi to every one, as I am in fact eager of reading this blog’s postto be updated on a regular basis. It carries good information.

  114. It’s an awesome piece of writing designed for all the internet users; they willobtain benefit from it I am sure.My blog :: cgi.members.interq.or.jp

  115. There is noticeably a bundle to know about this. I believe you made various nice points in features also.

  116. [url=https://stromectolus.store/#]can you get ivermectin over the counter[/url] ivermectin for gapeworm

  117. I’ve seen other bloggers have more than one image per post, but the templates blogspot only allows one image per post. Does anyone know the .html or is there something else I have to do to get multiple images?.

  118. [url=https://bestadultdating.fun/#]free dating services[/url] online dating match

  119. Heya i’m for the first time here. I found this board and I find It truly useful & it helped me out a lot. I hope to give something back and aid others like you helped me.

  120. Whats Taking place i’m new to this, I stumbled upon this I’ve found It positively useful and it has aided me out loads. I’m hoping to give a contribution & aid different customers like its aided me. Good job.

  121. I blog often and I really thank you for your content. This great article has truly peaked my interest. I am going to take a note of your blog and keep checking for new information about once per week. I opted in for your Feed as well.

  122. It’s actually a nice and useful piece of info.I’m happy that you simply shared this useful information withus. Please stay us up to date like this. Thanks for sharing.

  123. It’s actually a cool and useful piece of information. I am glad that you just shared this helpful information with us. Please keep us informed like this. Thank you for sharing.

  124. Hello are using WordPress for your blog platform? I’m new to the blog world but I’m trying to get started and create my own. Do you need any coding knowledge to make your own blog? Any help would be really appreciated!

  125. I love what you guys are usually up too. This kind of clever work and coverage!Keep up the good works guys I’ve added you guys toblogroll.

  126. A motivating discussion is worth comment. There’s no doubt that that you need to publish more on this issue, it might not be a taboo subject but generally folks don’t speak about these topics. To the next! All the best!!

  127. Hello There. I found your blog using msn. This is a very wellwritten article. I will be sure to bookmark it and come back to read moreof your useful information. Thanks for the post. I will certainly comeback.Feel free to surf to my blog Viritenz

  128. Just a smiling visitor here to share the love (:, btw great design and style. “Make the most of your regrets… . To regret deeply is to live afresh.” by Henry David Thoreau.

  129. I believe that avoiding packaged foods would be the first step in order to lose weight. They might taste very good, but prepared foods have very little vitamins and minerals, making you consume more only to have enough strength to