UA-51082228-1 Dossier Zavattini (a cura di Michele Infante) | Rivista Origine UA-51082228-1

Dossier Zavattini (a cura di Michele Infante)

Perché l’idea per un film-capolavoro nasce dalla vita reale e dalla quotidianità dell’uomo-autore?

Narratore, scrittore, direttore editoriale, sceneggiatore, autore radiofonico e televisivo, documentarista, curatore di cinegiornali, ed infine anche regista Casare Zavattini non necessita di presentazioni, anzi si può definire come uno dei primi autori multimediali della nostra tradizione, operando sempre in un ottica di comunicazione con il pubblico, ma sempre attento alla qualità dei contenuti. Un esempio per una società dove sembra essersi aperta una frattura tra cultura bassa e dozzinale e cultura alta ed intellettualistica, dove l’unico modo per raggiungere il pubblico sembra essere il ricorso a forme estranei alla soggettività dello spettatore, a format preconfezionati di evasione in scatola. Un momento di riflessioni su come ripensare la polemica con il tempo del flusso evasivo e diseducativo dei media moderni, come facciamo in questo numero. Il lettore potrà vedere la differenza che vi è alla base del lavoro di un grande sceneggiatore, non vi sono solo sterile tecniche imparate da manuali hollywoodiani o fascinazioni per creare suspance, stupire, sconvolgere, effetti speciali, storie fantastiche ed incredibili, ma un costante arricchirsi e attingere alla propria semplice esperienza personale di uomo. E proprio per ricondurre l’elemento fiction, l’elemento filmico all’esperienze dell’individuo, alla sua quotidianità, perché il grande cinema, la vera letteratura non sono altro che un sentimento più profondo della coscienza e dell’essere quotidiano, pubblichiamo un documento inedito ritrovato tra le carte dell’Archivio Zavattini dove lo stesso autore parla del finale di Ladri di Bicicletta, il film che diretto da Vittorio De Sica nel 1949 vincerà l’Oscar come miglior film straniero e consacrerà il neorealismo italiano nel mondo.
Nella lettera (inedita e qui riproposta per la prima volta) al suo traduttore in russo, Lev Verscinin, Zavattini parla del nucleo originario del finale drammatico e toccante a cui aveva pensato molti anni prima di realizzare il film, come ne prova il breve testo qui riproposto, e scritto negli anni 30’. m.i.

Roma 8.3.1982

Caro Verscinin,
ho appena ricevuto la tua lettera e fortunatamente dopo domani viene il nostro Corghi a Mosca!
Più fortunato di così non potrei essere. Ne potrei avere un tramite più intelligente e più informato [..]
Io ti accludo anche un libro uscito da Einaudi che forse ti hanno mandato AL MACERO, dove ci sono tre o quattro cose che potrebbe interessarvi. Non so.
Per esempio a pag.54/55 ci sono le diciotto righe che ricordano Ladri di Biciclette e che io ho scritto assai prima di aver avuto l’idea del Film. Ma sareste voi a decidere se c’è qualche pagina che meriti di essere introdotta nel libro.
[…]
Che debbo dirti di più? Caro Vercsinin.
Ti abbraccio con Boghensky ma dammi anche qualche notizia relativa al tuo personale lavoro
[…]
L’esperienza mi insegna che più le idee sono buone più è difficile metterle operativamente in moto. A me questa pare una necessità seria, concreta, che non riguarda solamente il mio paese.

Cesare Zavattini

La “voce” strade

Ho diviso il mondo in tante voci, ho scritto le voci ciascuna su di un pezzo di un foglietto di carta, piegato in quattro, le ho messe tutte in una vecchia borsetta. Ogni giovedì mi chiudo in camera ed estraggo un foglietto. Oggi dice strade.
[…]
Dovrò osservare le strade dunque. Ne ho viste tante, ma ne ricordo solo una. Un uomo mi fermò guardandomi negli occhi: “Lei è il signor A***?”, “No, io non sono il signor A***?”.
L’uomo insisté. “Lei è il signor A***”. E avrei replicato, forse vibratamente, se l’uomo non mi avesse dato un forte schiaffo. Poi si allontanò quasi di corsa. Io ero lì fermo, intontito; il cappello mi era ruzzolato per terra. Ecco se il cappello non mi fosse ruzzolato per terra, se non avessi dovuto raccoglierlo, pulirlo con le mani tremanti, confuse, davanti ad un bambino che mi guardava, ed era il mio bambino, avrei dimenticato ogni cosa, perché seppi, qualche minuto dopo, che quell’uomo era un povero pazzo. Ma il mio cappello era ruzzolato per terra, le mie mani erano tremanti, parevano le mani scarne degli ammalati, mani senili… Io e mio figlio non dimenticheremo mai quella lingua strada e i grigi sassi del selciato connessi come le scaglie di un armadillo.

(Casare Zavattini, dal Al Macero, Einaudi)

BELLISSIMA*
Soggetto di Cesare Zavattini

Maddalena ha una figlia di sei anni, Maria. Maria non è molto bella, ma per sua madre è bellissima, lo dice sempre. Maria ha anche un leggero difetto di pronuncia e Maddalena non lo trova un difetto ma una qualità. Maddalena ha trent’anni, un carattere vivace e deciso. Lavora come guardarobiera alla Rupe Tarpea e guadagna abbastanza, specie quest’anno che ci sono tanti forestieri, poi se ne va a casa tutta sola ogni notte verso l’alba. A casa c’è il marito, un ottimo uomo che proprio all’alba si alza perché fa il ferroviere e Maria che dorme [sic]. Nel casamento dove abita, piazzale Annibaliano, le donne non hanno molta simpatia per Maddalena che è un po’ superba e mette dei nastri sulla testa della figlia che sembrano bandiere.

Un giorno si annuncia un concorso cinematografico: cercano una bambina di sei anni, per un film molto importante. Maddalena pensa che cercano proprio sua figlia e salta le ore del sonno per portarla allo stabilimento dove il regista deve fare la sua scelta.
Sono molte le mamme che si mettono in movimento per la stessa ragione e Maddalena si trova davanti un numero infinito di concorrenti tra le quali alcune del suo quartiere. Questo accende ancora di più l’ambizione di Maddalena che si propone di vincere la battaglia a ogni costo.
E infatti riesce con la sua intraprendenza a far entrare la figlia tra le venti alle quali verrà fatto il provino entro una settimana.

Questa vigilia del provino è una vera settimana di passione per Maddalena. Le hanno detto che il difetto di pronuncia della figlia è un difetto che potrebbe compromettere la sua scelta. Allora la porta all’Istituto di Rieducazione della voce a Monte Sacro e si dichiara disposta a pagare qualsiasi cifra purché compiano il miracolo di togliere il difetto di pronuncia alla bambina in pochi giorni. Ma non basta: va alla scuola di danza della Ruskaia e vorrebbe che dessero alla figlia alcune lezioni accelerate. Ma qui non ci riesce. Allora prende in casa un’attrice che dia rapidi ammaestramenti a Maria. E tutto questo Maddalena deve farlo di nascosto al marito il quale ha la testa sulle spalle, adora la bambina, e se sapesse che Maddalena sottopone Maria a questi ossessionanti strapazzi reagirebbe certo con energia e severità.
Infatti la povera Maria è davvero stanca, ha subito la mania materna perché lei è timida, ma non ha proprio nessuna particolare qualità. Si è messa a piangere un paio di volte e la madre ha fatto quello che non ha mai fatto, le ha dato perfino uno schiaffo perché la bambina non riusciva a ripetere correttamente una battuta.

Arriva il giorno dei provini. Maddalena vorrebbe entrare nel teatro dove si fanno i provini ma è vietato l’ingresso ai familiari dei piccoli candidati. Allora la sua pena è grandissima. Neanche le sue arti riescono a rompere la consegna. Ma intanto non perde il tempo e si informa di tutta la organizzazione del film. Conosce il nome del produttore e degli altri elementi importanti e accetta la corte di un tale che assicura di avere influenza sul regista, un ispettore di produzione millantatore e un poco losco.

Una sera alla Rupe Tarpea vengono a ballare il produttore e il regista del film. Durante tutta la serata Maddalena in ansia studia il modo di avvicinare i due uomini e di ingraziarseli. E fa una cosa molto grossa: manda a casa a prendere la figlia tutta vestita a festa perché i due la vedano, l’ammirino. Ma quasi quasi Maddalena quella sera perde il posto per le sue prodezze materne. Quando verso l’alba torna a casa fuori c’è l’ispettore di produzione che l’aspetta e l’accompagna a casa con l’evidente intenzione di ottenere da lei qualcosa di concreto. E lei pur di vincere, per la prima volta nella sua vita, si lascia baciare e promette un appuntamento.

Malgrado gli armeggi di Maddalena, Maria viene scartata. Il suo provino risulta dei peggiori. Maddalena riesce con i suoi soliti sotterfugi a vederlo – a vedere la figlia nel confronto con le altre – la povera piccola impacciata Maria. Lì per lì Maddalena vorrebbe fare fuoco e fiamme e perfino prendersela con la figlia. Ma proprio adesso che si accorge che sua figlia non ha nessuna particolare qualità, che il difetto di pronuncia è un difetto e che ce ne sono centomila belle come lei e addirittura belle più di lei, le si rivelano tante cose, per esempio che ha più ambizione che amore per la figlia. E invece di picchiarla, ha una grande voglia di domandare perdono a sua figlia e a suo marito il quale è completamente ignaro di tutto quello che è successo in questa settimana piena di incidenti per nascondere i quali sua moglie gli ha perfino rubato i soldi dal portafoglio.

E se ne va fuori, perché è domenica, con il marito e con la figlia che non hanno mai visto una Maddalena così buona, così umile, così piena di invenzioni per farli ridere e per farli divertire. “Andiamo al cinematografo?” domanda il marito. Maddalena non ne vuole sapere e sbatte gli occhi come per paura e guarda la figlia.

Scritto da:

Origine - genesi sociale degli immaginari mediali - Direttore MICHELE INFANTE

42 Comments a “Dossier Zavattini (a cura di Michele Infante)”

  1. but web hosting ha detto:

    Great delivery. Solid arguments. Keep up the great
    spirit.

  2. asmr a ha detto:

    Hi, i read your blog occasionally and i own a similar one and i was just wondering if you get a
    lot of spam remarks? If so how do you stop it, any
    plugin or anything you can advise? I get so much lately it’s
    driving me insane so any support is very
    much appreciated.

  3. Hello, everything is going nicely here and ofcourse every one
    is sharing information, that’s actually excellent, keep up
    writing.

  4. on asmr ha detto:

    This excellent website certainly has all the info I needed about
    this subject and didn’t know who to ask.

  5. Useful info. Fortunate me I discovered your website by accident, and I am
    surprised why this coincidence didn’t happened in advance!
    I bookmarked it.

  6. Really no matter if someone doesn’t be aware of after that its up to other viewers that they will help, so here it
    happens. asmr https://app.gumroad.com/asmr2021/p/best-asmr-online asmr

  7. Hello to all, for the reason that I am in fact keen of reading this web site’s post to be updated on a regular
    basis. It consists of fastidious information. quest bars http://tinyurl.com/49u8p8w7 quest bars

  8. j.mp ha detto:

    Because the admin of this website is working,
    no hesitation very shortly it will be well-known, due to its quality contents.
    scoliosis surgery https://0401mm.tumblr.com/ scoliosis surgery

  9. bitly.com ha detto:

    Very good information. Lucky me I discovered your blog by accident (stumbleupon).
    I’ve saved it for later! cheap flights http://1704milesapart.tumblr.com/ cheap flights

  10. coub.com ha detto:

    Thanks for sharing your thoughts about » Dossier
    Zavattini (a cura di Michele Infante). Regards scoliosis surgery https://coub.com/stories/962966-scoliosis-surgery scoliosis surgery

  11. bitly.com ha detto:

    I couldn’t refrain from commenting. Perfectly written! ps4 https://bit.ly/3z5HwTp ps4 games

  12. I blog frequently and I seriously thank you for your content.
    The article has truly peaked my interest. I’m going
    to bookmark your website and keep checking for new details
    about once a week. I subscribed to your RSS feed as well.
    quest bars https://www.iherb.com/search?kw=quest%20bars quest bars

  13. ps4 games with ha detto:

    A motivating discussion is worth comment.
    I do believe that you should publish more about this issue, it may not be a
    taboo subject but usually people don’t speak about such subjects.
    To the next! Best wishes!!

  14. Patricia Maurey ha detto:

    This is very interesting, You are a very skilled blogger. I’ve joined your feed and look forward to seeking more of your great post. Also, I’ve shared your website in my social networks!|

  15. Santiago Hufford ha detto:

    Hurrah! At last I got a webpage from where I be capable of really get useful facts concerning my study and knowledge.|

  16. Morgan Mcfeely ha detto:

    My spouse and I stumbled over here different web page and thought I may as well check things out. I like what I see so now i am following you. Look forward to checking out your web page yet again.|

  17. Stevie Gleisner ha detto:

    What’s up to every body, it’s my first go to see of this blog; this weblog includes remarkable and actually excellent data for readers.|

  18. hook for essay ha detto:

    how to write an expository essay https://vpnshroud.com/

  19. Tristan Shird ha detto:

    Hello to every body, it’s my first pay a quick visit of this webpage; this website contains awesome and truly fine information designed for readers.|

  20. Chris Kor ha detto:

    Way cool! Some very valid points! I appreciate you writing this article and the rest of the website is also really good.|

  21. Genaro Kahrer ha detto:

    Wow, this piece of writing is nice, my sister is analyzing such things, therefore I am going to convey her.|

  22. Madeline Lacaille ha detto:

    Heya just wanted to give you a brief heads up and let you know a few of the images aren’t loading correctly. I’m not sure why but I think its a linking issue. I’ve tried it in two different browsers and both show the same results.|

  23. Odell Dunston ha detto:

    If you are going for finest contents like me, simply visit this website all the time because it offers quality contents, thanks|

  24. Levi Spreng ha detto:

    Heya i’m for the first time here. I found this board and I find It truly useful & it helped me out much. I hope to give something back and aid others like you helped me.|

  25. Gaylord Arthur ha detto:

    Can I just say what a comfort to find someone who truly knows what they are discussing online. You certainly realize how to bring an issue to light and make it important. More people should look at this and understand this side of your story. It’s surprising you aren’t more popular because you certainly have the gift.|

  26. Kathe Capestany ha detto:

    At this time I am going to do my breakfast, when having my breakfast coming over again to read other news.|

  27. Carmelo Philio ha detto:

    What’s up, I desire to subscribe for this webpage to take newest updates, so where can i do it please help.|

  28. Reynalda Broyle ha detto:

    Hello, Neat post. There’s an issue together with your web site in internet explorer, may check this? IE still is the marketplace chief and a good section of other people will miss your magnificent writing because of this problem.|

  29. Jerold Darco ha detto:

    What i do not realize is if truth be told how you’re not really much more smartly-appreciated than you might be right now. You are very intelligent. You know therefore considerably relating to this subject, produced me in my view imagine it from so many various angles. Its like men and women aren’t fascinated except it is something to accomplish with Girl gaga! Your individual stuffs great. Always care for it up!|

  30. Nelia Waska ha detto:

    Hi, Neat post. There is a problem with your website in internet explorer, might test this? IE still is the market chief and a good section of folks will omit your wonderful writing due to this problem.|

  31. Cassey Fragoso ha detto:

    This piece of writing is truly a nice one it assists new web users, who are wishing for blogging.|

  32. Tad Dagley ha detto:

    My brother suggested I might like this website. He was entirely right. This post truly made my day. You cann’t imagine simply how much time I had spent for this information! Thanks!|

  33. Duane Zwicker ha detto:

    Hello would you mind sharing which blog platform you’re working with? I’m planning to start my own blog soon but I’m having a hard time choosing between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal. The reason I ask is because your design and style seems different then most blogs and I’m looking for something completely unique. P.S Sorry for getting off-topic but I had to ask!|

  34. Grover Kubeika ha detto:

    Very nice write-up. I absolutely appreciate this site. Keep it up!|

  35. Elida Goicoechea ha detto:

    Hello there, just became aware of your blog through Google, and found that it’s really informative. I’m gonna watch out for brussels. I’ll appreciate if you continue this in future. Numerous people will be benefited from your writing. Cheers!|

  36. Jesusita Geidl ha detto:

    Fine way of explaining, and good article to obtain data regarding my presentation focus, which i am going to convey in school.|

  37. free live gay web cam chat rooms https://gaytgpost.com/

  38. Branden Argyle ha detto:

    It’s perfect time to make some plans for the future and it is time to be happy. I have read this submit and if I could I want to counsel you few fascinating things or advice. Maybe you can write next articles regarding this article. I want to learn more things about it!|

  39. Taylor Reichler ha detto:

    I have learn a few excellent stuff here. Definitely value bookmarking for revisiting. I surprise how so much effort you put to make any such fantastic informative site.|

  40. Rocio Mikkelson ha detto:

    Informative article, just what I was looking for.|

  41. Sonny Koneval ha detto:

    Right here is the perfect blog for anyone who really wants to understand this topic. You understand a whole lot its almost tough to argue with you (not that I personally would want to…HaHa). You certainly put a brand new spin on a topic that’s been written about for decades. Great stuff, just wonderful!|

  42. Bennie Cosmo ha detto:

    Today, I went to the beach with my kids. I found a sea shell and gave it to my 4 year old daughter and said “You can hear the ocean if you put this to your ear.” She put the shell to her ear and screamed. There was a hermit crab inside and it pinched her ear. She never wants to go back! LoL I know this is totally off topic but I had to tell someone!|

Leave a Reply